Le migliori pomate per il dolore al cbd del 2023

Guide all'acquisto del cbd

Nel corso degli anni, la cannabis ha dimostrato di essere una delle migliori erbe naturali per aiutare le capacità di guarigione. Oltre a contribuire ad alleviare i sintomi dell’artrite, delle infiammazioni cutanee e del diabete, la cannabis può anche ridurre o trattare il dolore cronico.

L’uso del cannabidiolo è molto diffuso e non ha effetti collaterali significativi come molti rimedi erboristici. La cannabis lavora anche con il sistema endocannabinoide per aiutare a trattare il dolore cronico associato a varie patologie come l’artrite e la sclerosi multipla. Alcuni cercano addirittura di sostituire i prodotti farmaceutici con il CBD. Ci sono molte opportunità per incorporare la cannabis nella vostra vita. Alcune persone preferiscono fumare la pianta attraverso i vaporizzatori, mentre altre preferiscono le pillole o le tinture. Continuate a leggere per saperne di più sul CBD e la gestione del dolore.

Contents
  1. Come usare il CBD per alleviare il dolore
  2. I migliori prodotti a base di CBD per alleviare il dolore
  3. Quali sono i migliori prodotti a base di CBD per alleviare il dolore?
  4. 1. Miglior olio di CBD per dolori gravi
  5. Ambary Gardens Daily Full Spectrum Extra Strength 5000
  6. 2. Migliore crema topica al CBD per le articolazioni doloranti
  7. Hemp Bombs CBD Pain Freeze
  8. Joy Organics CBD Salve
  9. 4. La migliore soluzione universale per le infiammazioni
  10. Eart Medicine Recover Muscle Joint Gel
  11. 5. Il meglio per il vostro budget
  12. CBDistillery Full Spectrum Tincture
  13. Nota sulla sostenibilità
  14. Pain Relief CBD: Il dolore legato al cancro influisce sulla qualità della vita, sulle attività di routine, sulle abitudini alimentari, sulla capacità di dormire bene la notte e persino sul modo di interagire con gli altri. La gestione del dolore è una parte importante del trattamento globale del cancro e la maggior parte delle persone conferma che la cannabis e l’olio di CBD sono utili per gestire gli effetti collaterali che si verificano con il trattamento del cancro. Gli studi stanno anche approfondendo il modo in cui la cannabis può aiutare il cancro al di là della gestione del dolore.
  15. Ricerca sul cancro e sull’olio di CBD
  16. Ricerca attuale sui cannabinoidi
  17. Trattamento aggiuntivo del cancro con olio di CBD
  18. CBD per la gestione del dolore neuropatico
  19. Cosa provoca il dolore neuropatico?
  20. Come può il CBD aiutare a gestire il dolore neuropatico?
  21. Oli di CBD per uso topico per i dolori nervosi
  22. Ingredienti di supporto al CBD per uso topico per il dolore nervoso
  23. CBD e fibromialgia
  24. Come il CBD può aiutare la fibromialgia
  25. La scienza del CBD per la fibromialgia
  26. Ricerca attuale: Risultati dello studio
  27. Regime CBD consigliato per la fibromialgia
  28. Risultati degli studi su CBD e gestione del dolore
  29. 1. Cannabinoidi per la gestione del dolore
  30. 2. Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2503660/
  31. Una meta-analisi sul dolore associato alla sclerosi multipla
  32. 3. Studio di due anni sul dolore neuropatico
  33. 4. Cannabinoidi per il dolore neuropatico
  34. 6. Il cannabidiolo sull’efficacia della chemioterapia del sistema nervoso
  35. 7. Effetti antiiperalgesici della cannabis nel ratto
  36. 9. I cannabinoidi sopprimono l’infiammazione attraverso i recettori α3 della glicina
  37. 10. Efficacia dell’estratto di THC:CBD nel dolore correlato al cancro
  38. Effetti sinergici di THC e CBD per il dolore
  39. Composizione della cannabis
  40. Sinergia tra THC e CBD
  41. Uso di THC e CBD: In realtà, la maggior parte di noi consuma già THC e CBD in modo sinergico consumando fiori interi o concentrati di fiori interi. Tuttavia, ci sono dei passi da fare per iniziare a usare questa relazione a proprio vantaggio, per ottenere il massimo dall’esperienza con la cannabis e ridurre al minimo gli effetti collaterali spiacevoli. In primo luogo, prestate attenzione al rapporto tra THC e CBD nella varietà (o nelle varietà) che avete scelto. A meno che non siate alla ricerca di uno sballo stratosferico, probabilmente non avete bisogno di una delle varietà presenti nel dispensario con un contenuto di THC super elevato. Non solo è più probabile che questi ceppi vi mettano a disagio, ma è anche più probabile che provochino effetti collaterali come paranoia e ansia. Se siete persone che già sperimentano il nervosismo quando consumano cannabis, evitate queste varietà più pesanti a favore di una pianta più equilibrata. Se la vostra unica opzione è una varietà ad alto contenuto di THC, prendete in considerazione la ricerca di un prodotto a base di CBD da abbinare alla pianta. Esistono prove a sostegno dell’idea che il CBD possa servire a smorzare alcuni degli effetti collaterali negativi del THC sperimentati da alcuni consumatori, in particolare l’ansia. Può anche contribuire a potenziare i suoi effetti più desiderabili, come l’alleviamento del dolore e la riduzione dell’infiammazione cronica. Inoltre, i terpeni presenti nella canapa modulano gli effetti del THC e del CBD, rendendo entrambi i composti più efficaci. La conclusione generale è questa: La pianta di cannabis deve essere consumata intera, senza scomporla nei suoi vari componenti . I prodotti di cannabis più efficaci dal punto di vista medico sono quelli che contengono tutti i cannabinoidi e i terpeni che beneficiano dell’effetto Entourage. 4 consigli per il dolore cronico Esistono molte alternative naturali per affrontare il dolore cronico, dall’esercizio fisico regolare a una dieta corretta, fino all’aggiunta della cannabis alla routine quotidiana. Vediamo cinque consigli naturali per affrontare il dolore cronico. Fisioterapia regolare Ci sono molti modi per gestire e trattare il dolore cronico e uno di questi è quello di frequentare regolarmente le sedute di fisioterapia. Prima di tutto, è necessario trovare il miglior fisioterapista che comprenda correttamente le diverse tecniche necessarie. Il medico deve avere una conoscenza approfondita di come adattare la terapia per renderla adatta alla vostra condizione. Attraverso la terapia dovreste essere in grado di scoprire i limiti della vostra tolleranza al dolore. Il terapista dovrebbe essere in grado di utilizzare queste conoscenze per consigliare esercizi di stretching e di flessibilità adatti alle vostre esigenze. Alcuni includono anche esercizi aerobici e terapie che aiutano a rafforzare il centro. Una fisioterapia regolare non solo ridurrà il dolore cronico, ma consentirà anche di raggiungere uno stato di rilassamento più profondo. Creare un regime quotidiano con il CBD La canapa si è dimostrata negli anni una delle migliori piante naturali per aiutare le capacità di guarigione. Oltre a contribuire ad alleviare i sintomi dell’artrite, delle infiammazioni cutanee e del diabete, la cannabis può ridurre o trattare il dolore cronico. L’uso del cannabidiolo è molto diffuso e, come molti rimedi erboristici, non ha effetti collaterali significativi. La cannabis lavora anche con il sistema endocannabinoide per garantire un sonno sufficiente, che a sua volta aiuta l’intero organismo a rilassarsi. I prodotti a base di cannabis possono aiutare a trattare il dolore cronico associato a varie condizioni, tra cui l’artrite e la sclerosi multipla. Alcune persone vogliono addirittura sostituire i loro farmaci con il CBD! Ci sono molte opportunità per incorporare la canapa nella vostra vita. Alcune persone preferiscono fumare la pianta attraverso i vaporizzatori, mentre altre preferiscono le pillole o le tinture. Per maggiori informazioni, leggete “Come scegliere il prodotto CBD più adatto a voi”. Regolare la dieta Modificare la dieta è uno dei tanti consigli naturali per il trattamento del dolore cronico da tenere sempre in considerazione. I cibi e le bevande giusti possono migliorare l’umore e la digestione, migliorando così il benessere generale. Una delle cose che la maggior parte delle persone fa quando si tratta di esigenze nutrizionali è che tende a ignorare i segnali di sensibilità alimentare. L’esame di alcuni tipi di alimenti che riducono l’infiammazione è un ottimo punto di partenza per ridurre il dolore cronico. Una dieta equilibrata a base di prodotti integrali, naturali e biologici, come verdura e frutta, è un ottimo inizio. Gli alimenti che dovrebbero essere limitati sono la carne rossa, gli alimenti trasformati e i cereali. Bisogna anche evitare gli alimenti che contengono troppo fruttosio. La collaborazione con il vostro medico curante può aiutarvi a trovare una dieta adatta a voi! Meditazione quotidiana Considerate di aggiungere una pratica di meditazione quotidiana. È uno dei modi migliori per liberare la mente e alleviare il dolore cronico, e non costa quasi nulla. Sblocca l’energia stagnante, garantendo un costante apporto di ossigeno fresco a tutte le parti del corpo. Quando il corpo e la mente sono rilassati, la mente inizia a concentrarsi sul dolore cronico che si trova in profondità. Può essere utile trovare un insegnante spirituale che vi aiuti a raggiungere facilmente vari stati meditativi. Vi consigliamo anche di prendere in considerazione l’aggiunta della cannabis alla vostra pratica di meditazione. Sebbene questi cinque consigli naturali non curino il dolore cronico, possono certamente contribuire ad alleviarlo. Ognuno di questi consigli naturali è ottimo da aggiungere alla vostra routine quotidiana. Si consiglia di iniziare a piccoli passi, di fare un passo alla volta e di chiedere ulteriori indicazioni a personale qualificato. Questi cinque consigli naturali vi aiuteranno ad alleviare il dolore cronico e a ritrovare la libertà. YouTube video: Le migliori pomate per il dolore al CBD del 2023
  42. 4 consigli per il dolore cronico
  43. Fisioterapia regolare
  44. Creare un regime quotidiano con il CBD
  45. Regolare la dieta
  46. Meditazione quotidiana
  47. YouTube video: Le migliori pomate per il dolore al CBD del 2023

Come usare il CBD per alleviare il dolore

Quando si mette insieme un regime di utilizzo del CBD per trattare il dolore (come il dolore cronico o neuropatico), è importante capire che il CBD non è stato provato per trattare il dolore. Tuttavia, le notizie aneddotiche di successo incoraggiano molte persone a provare l’alternativa a base vegetale, incorporando dosi regolari. Può essere meglio usarlo prima come misura preventiva – può anche essere usato per gestire le riacutizzazioni acute, ma la cura preventiva è la più importante! Pensate a questo prodotto come a qualsiasi altro integratore alimentare: volete creare una concentrazione di base nel vostro corpo.

Esistono diversi prodotti a base di CBD per il dolore, ma noi consigliamo di assumere quotidianamente un olio di CBD a tutta forza sotto forma di tinture o capsule in gel.

Gli ingredienti di entrambi i prodotti sono gli stessi; l’unica differenza tra loro è il fattore di forma e il dosaggio – compresse e tinture sublinguali. Le migliori tinture e capsule in gel di CBD combinano la potenza del CBD per il dolore con l’olio MCT di alta qualità, un ingrediente essenziale di cui il corpo ha bisogno per scomporre e assorbire il cannabidiolo.

Molte persone scoprono che, oltre a utilizzare i prodotti sopra descritti per la gestione quotidiana del dolore, hanno bisogno di un modo sicuro per affrontare le crisi acute. A seconda delle preferenze, ci sono diverse opzioni adatte per affrontare gli attacchi di dolore improvvisi.

Che siano causati da un recente infortunio, dal freddo o da un’infiammazione generale, consigliamo la vaporizzazione di CBD isolato per combattere questi attacchi di dolore acuto. Il vantaggio di vaporizzare o applicare il CBD isolato è che il sollievo può essere percepito quasi immediatamente. Il CBD isolato è puro al 99% e fornisce un’ondata di sollievo che può essere percepita in tutto il corpo.

Anche alcuni farmaci topici a base di CBD possono fornire un rapido sollievo dagli attacchi di dolore. I prodotti topici come gli unguenti e le creme al CBD penetrano nella pelle, aiutando a gestire il dolore nelle ossa, nei muscoli, nelle articolazioni, nei tendini e nella superficie della pelle.

Spesso il modo migliore per gestire il dolore da moderato a grave, il dolore ricorrente o il dolore causato da una serie di condizioni croniche è quello di combinare diversi prodotti a base di CBD per una copertura preventiva e terapeutica per tutto il giorno.

I migliori prodotti a base di CBD per alleviare il dolore

Non sei sicuro di dove trovare prodotti a base di CBD per alleviare il dolore? Abbiamo pensato a voi. Sappiamo che esiste un numero vertiginoso di opzioni che può rendere difficile la scelta. Ecco perché abbiamo fatto il lavoro duro per voi e abbiamo eliminato le congetture su quali siano i migliori prodotti a base di CBD!

Quali sono i migliori prodotti a base di CBD per alleviare il dolore?

Tutti i prodotti a base di CBD rientrano in tre categorie principali. A spettro completo (talvolta chiamato “estratto di canapa”), ad ampio spettro e isolato. Queste etichette sono presenti su quasi tutti i prodotti a base di CBD. Daremo un’occhiata più da vicino a tutti e tre e vedremo perché il CBD a spettro completo è il vincitore indiscusso per alleviare il dolore.

La differenza tra i tre tipi ha a che fare con il metodo di estrazione utilizzato in ciascuno di essi. L’isolato è CBD isolato da tutti gli altri composti della pianta di cannabis. L’ampio spettro conserva i composti della pianta di cannabis, ma rimuove il 100% del THC (il componente psicoattivo della cannabis). Lo spettro completo utilizza tutti i composti presenti nella pianta di cannabis, comprese le tracce di THC. Ma questo non è sufficiente a farvi sentire “sballati””

Esiste una sinergia tra il THC, il CBD e altri composti naturali della canapa, chiamata “effetto entourage”. Per riassumere rapidamente la ricerca, si dovrebbe sempre assumere CBD con tutti i composti naturali intatti. Isolarli l’uno dall’altro non produrrà il miglior effetto possibile, cioè non si otterrà il massimo sollievo dal dolore possibile.

La dose corretta dipende da diversi fattori. Ad esempio, la vostra precedente esperienza con il CBD, la gravità del dolore e il vostro peso corporeo. La ricerca sul CBD come antidolorifico è ancora agli inizi, il che significa che non esistono linee guida stabilite per il dosaggio esatto. Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che per un sollievo duraturo dal dolore è necessaria una potenza maggiore. Per questo motivo, abbiamo raccolto i 7 migliori prodotti a base di CBD per alleviare il dolore, che in genere contengono dosi più elevate di CBD. Come per ogni nuovo integratore o farmaco, all’inizio si dovrebbe usare una dose bassa e aumentarla gradualmente fino a raggiungere l’effetto desiderato.

1. Miglior olio di CBD per dolori gravi

Ambary Gardens Daily Full Spectrum Extra Strength 5000

Ambary Gardens è uno dei nostri marchi di fiducia e attualmente offre uno degli estratti di CBD a spettro completo più potenti sul mercato. Ogni contagocce contiene 84 mg di CBD per dose. Se si sta provando il CBD per la prima volta, si consiglia di iniziare con una quantità più vicina ai 500-25 mg per dose con la tintura a spettro completo da 50 mg. Vale la pena di notare che è sempre possibile controllare la quantità con le misure del contagocce. Sulla pagina del prodotto c’è anche una pratica guida su come aumentare direttamente la dose in base alle proprie esigenze.

Codice sconto del 10%: WELCOME10

2. Migliore crema topica al CBD per le articolazioni doloranti

Hemp Bombs CBD Pain Freeze

Hemp Bombs CBD Pain Freeze fornisce un sollievo immediato applicando la crema direttamente alla fonte del dolore. Grazie all’aggiunta di mentolo, l’effetto rinfrescante è assicurato. È inoltre possibile applicare questo scrub fino a quattro volte al giorno per lenire articolazioni e arti doloranti.

Codice sconto del 10%: Migliore crema al CBD per la pelle irritata

Joy Organics CBD Salve

Joy Organics ha sviluppato CBD Salve specificamente per la pelle secca e irritata. Questo unguento cura e idrata delicatamente la pelle screpolata o ruvida. Gli oli di CBD completamente naturali in combinazione con l’aloe, l’olio d’oliva e la glicerina dovrebbero essere più che sufficienti per nutrire e lenire le aree sensibili della pelle e allo stesso tempo aiutare ad alleviare il dolore.

Codice di sconto del 20%: KEY20

4. La migliore soluzione universale per le infiammazioni

Eart Medicine Recover Muscle Joint Gel

Eart Medicine è un altro dei prodotti preferiti dal pubblico e il marchio più affidabile dell’intera linea di prodotti. Se avete bisogno di un prodotto che copra molteplici usi, questo estratto a spettro completo da 60 mg è perfetto. Earth Medicine ha brevettato MicroCBDTM + Robus Broad Spectrum CBD Oil combinato con oli essenziali per un assorbimento accelerato. Sono disponibili due opzioni di dosaggio: 200 mg o 400 mg. Come antidolorifico, è indicato per i dolori dopo l’esercizio fisico, ma può essere utile anche per molti altri disturbi. Come si dice nella medicina mondiale, in poco tempo sarete in grado di eseguire movimenti rotatori.

Codice di sconto del 20%: K2C20

5. Il meglio per il vostro budget

CBDistillery Full Spectrum Tincture

Oltre ad avere un’ampia gamma di prodotti, CBDistillery offre costantemente il miglior rapporto qualità-prezzo. Hanno un gran numero di prodotti CBD a prezzi accessibili. Questa tintura a spettro completo è il prodotto più conveniente di questa lista ed è un’ottima scelta per chi sta iniziando a capire come il CBD possa aiutare a gestire il dolore. Non preoccupatevi della bassa potenza, perché potete sempre raddoppiarla o triplicarla fino a trovare il vostro punto di forza.

5% Codice di sconto.

La dose giusta per voi dipende da una serie di fattori, tra cui il tipo e la gravità della condizione che sperate di trattare, oltre a fattori biologici come il peso e la tolleranza ai prodotti a base di cannabinoidi.

Per il dolore, si consiglia di iniziare con 5-10 mg di CBD al giorno. Se non si prova sollievo a questa dose, si consiglia di aumentare di 5-10 mg fino a raggiungere l’effetto desiderato. Un modo semplice per farlo è utilizzare una tintura di CBD, che consente di dosare con precisione le dosi necessarie ogni volta.

Altri prodotti, come le capsule di CBD in gel, sono disponibili in dosi pre-misurate, quindi iniziare con la dose più bassa (come una capsula da dieci milligrammi) è un ottimo modo per capire di quanto CBD si ha bisogno per raggiungere il livello di sollievo desiderato.

Si può poi aumentare la dose secondo le necessità, ma ricordate che questi farmaci ingeribili danno un sollievo duraturo per diverse ore – molte persone trovano che diano sollievo per l’intera giornata! L’unica cosa da tenere presente con i prodotti CBD ingeribili è l’insorgenza ritardata: possono essere necessari fino a 90 minuti per sentire tutti gli effetti delle tinture o delle capsule.

Il dosaggio dei prodotti a base di CBD per uso topico è leggermente diverso e si deve usare la quantità di prodotto necessaria per coprire l’area interessata. I prodotti topici sono generalmente ad azione rapida e il sollievo può essere percepito entro 15 minuti e può durare per diverse ore. Riapplicare se necessario.

Anche il dosaggio dei vaporizzatori di CBD è leggermente diverso, poiché può essere difficile misurare accuratamente le dosi in alcuni dispositivi di vaporizzazione. Iniziare con una bassa dose di vaporizzatore di cannabidiolo o di integratore di CBD può aiutare a sperimentare senza problemi gli effetti ad azione rapida. Poiché gli effetti terapeutici del vapore di CBD per il dolore si manifestano così rapidamente, è possibile “aggiustare” facilmente i dosaggi secondo le necessità fino a ottenere l’effetto desiderato. Aumentate il dosaggio una “boccata” alla volta e aspettate circa 10-15 minuti tra una boccata e l’altra per osservare gli effetti.

Nota sulla sostenibilità

Il nostro obiettivo a Key to Cannabis è quello di aiutare i nostri lettori a trovare prodotti a base di CBD che supportino i loro obiettivi di salute e benessere, principalmente attraverso l’educazione dei consumatori. Questo include non solo la scienza alla base dei prodotti CBD, ma anche il loro impatto sull’ambiente. Man mano che la nostra società diventa più consapevole del nostro rapporto (e della nostra dipendenza) dal pianeta e dagli ecosistemi che lo sostengono, la sostenibilità degli ingredienti sta diventando sempre più importante per molte persone (compresi noi).

Sebbene sia utile prendere decisioni di acquisto migliori, riconosciamo che “migliore” non significa mai “perfetto”. Il nostro obiettivo non è quello di far vergognare qualcuno per aver preso le decisioni che ritiene migliori per sé (anzi, sono proprio quelle che vogliamo sostenere), ma di incoraggiare un consumo consapevole ogni volta che è possibile. Il modo in cui questo appare per voi dipende esclusivamente da voi e noi vogliamo sempre darvi l’opportunità di determinarlo da soli.

Quando possibile, preferiamo scegliere ingredienti di origine vegetale per i prodotti CBD per uso topico, soprattutto rispetto ai prodotti a base di petrolio. Le ragioni principali sono due: In primo luogo, perché il petrolio è una risorsa limitata e ha un enorme impatto ambientale in ogni fase, dall’estrazione alla raffinazione, al trasporto e al consumo. In secondo luogo, è stato stabilito un legame tra l’uso a lungo termine di alcuni prodotti petroliferi per applicazioni topiche e il cancro in età avanzata.

Anche noi preferiamo i prodotti vegetali a quelli derivati dagli animali, ma riconosciamo che non tutti sono d’accordo. Alcuni prodotti di origine animale, come la cera d’api, la lanolina e la gelatina, sono componenti importanti dello stile di vita sano di molti dei nostri lettori, e questo è vero. È vero che esistono alternative vegane a questi ingredienti, ma non sono opzioni adatte a tutti. Inoltre, ci sono alcune sfumature nell’etichettatura “vegana”.

La descrizione “vegano” sull’etichetta del prodotto indica che il prodotto non contiene prodotti animali. Tuttavia, questo non significa necessariamente un prodotto più sostenibile. Microplastiche, maglieria, pelle di plastica, poliestere e prodotti petroliferi sono considerati “vegani”, ma non sono più ecologici delle loro controparti animali. Ciò non significa che l’etichetta “vegano” sia priva di significato, ma suggeriamo che non sia l’unico criterio per misurare la qualità o la sostenibilità di un prodotto.

Pain Relief CBD: Il dolore legato al cancro influisce sulla qualità della vita, sulle attività di routine, sulle abitudini alimentari, sulla capacità di dormire bene la notte e persino sul modo di interagire con gli altri. La gestione del dolore è una parte importante del trattamento globale del cancro e la maggior parte delle persone conferma che la cannabis e l’olio di CBD sono utili per gestire gli effetti collaterali che si verificano con il trattamento del cancro. Gli studi stanno anche approfondendo il modo in cui la cannabis può aiutare il cancro al di là della gestione del dolore.

Ricerca sul cancro e sull’olio di CBD

La cannabis, che è stata usata per secoli come medicina erboristica per trattare vari disturbi, è ora riconosciuta come medicina utilizzata per gestire varie condizioni di salute. Con l’aumento esponenziale dell’uso di prodotti a base di cannabis per scopi terapeutici, i ricercatori di tutto il mondo si sono dedicati a studiare come la cannabis possa aiutare a trattare il cancro. In generale, gli studi includono prodotti di cannabis sia naturali che artificiali, come l’olio di cannabis, l’olio di canapa e i cannabinoidi. I cannabinoidi, i principi attivi presenti nella canapa, sono sostanze complesse derivate dalla pianta di cannabis. Contribuiscono a regolare le funzioni biologiche del nostro corpo. Il delta-9-tetraidrocannabinolo, chiamato anche THC, è utile per affrontare gli effetti collaterali della chemioterapia. Il cannabidiolo, chiamato anche CBD, è un altro cannabinoide che ha il potenziale di gestire condizioni dolorose come il cancro.

I ricercatori hanno scoperto che il nostro corpo crea anche sostanze chimiche simili ai cannabinoidi che si trovano nel nostro sistema endocannabinoide. I recettori dei cannabinoidi, chiamati CB1 e CB2, sono localizzati in diverse parti del nostro corpo e svolgono funzioni diverse. Il recettore CB1 si trova nelle cellule del sistema nervoso, in particolare nelle cellule cerebrali e nei nervi del corpo, mentre i recettori CB2 si trovano nelle cellule del sistema immunitario. Secondo i ricercatori, sia gli endocannabinoidi che i recettori dei cannabinoidi svolgono un ruolo nelle funzioni corporee come il funzionamento del cuore, il controllo dell’attività cerebrale, il dolore, le funzioni del sistema immunitario e la riproduzione. Questa versatilità molecolare ha portato al coinvolgimento dei recettori in un’ampia gamma di malattie, dai disturbi neurodegenerativi al cancro.

Ricerca attuale sui cannabinoidi

La ricerca sulla possibilità di utilizzare i cannabinoidi per il trattamento del cancro è in corso. Gli scienziati spesso coltivano cellule tumorali in laboratorio o utilizzano modelli animali per studiare l’effetto dei cannabinoidi sulle cellule tumorali. Recentemente, gli scienziati hanno scoperto che i cannabinoidi hanno i seguenti effetti di laboratorio:

  • Arresto della divisione cellulare
  • Avvio della morte cellulare attraverso il processo di apoptosi
  • Inibizione della diffusione delle cellule tumorali impedendone gli effetti sui tessuti vicini
  • Accelerazione del processo di autofagia che porta alla morte cellulare.

Questi effetti sono dovuti ai recettori CB1 e CB2. Recenti esperimenti con dosi elevate di THC nei topi hanno dimostrato che riduce il rischio di proliferazione delle cellule tumorali. Pertanto, l’uso di dosi elevate di THC può aiutare a distruggere le cellule tumorali. Pertanto, la ricerca ha riscontrato risultati positivi dopo l’uso di cannabinoidi derivati sia dalle piante di cannabis che da composti sintetici.

Trattamento aggiuntivo del cancro con olio di CBD

In generale, il trattamento del cancro peggiora la salute generale del paziente, poiché comporta effetti collaterali piuttosto gravi. In questi casi, l’uso dell’olio di CBD può fungere da trattamento complementare per far sentire meglio il paziente. Molte persone che si sottopongono a trattamenti antitumorali sostengono che la cannabis aiuta a far fronte agli effetti collaterali come il dolore, la perdita di appetito, la nausea e il vomito e la cachessia. Il dolore associato al trattamento del cancro può essere quasi insopportabile a causa dei danni ai nervi, della pressione sugli organi interni e dell’infiammazione. La cannabis ha proprietà antinfiammatorie e quindi migliora il dolore. Il THC riduce il dolore causato da danni ai nervi agendo sui recettori CB1. Oltre a ridurre il dolore, la cannabis aiuta a ridurre la nausea e ad aumentare l’appetito.

Pertanto, l’olio concentrato può aiutare a trattare il dolore da cancro come trattamento complementare, in quanto affronta la maggior parte degli effetti collaterali. Aiuta a gestire il dolore cronico, che a sua volta consente ai pazienti di tollerare meglio il processo di trattamento del cancro.

CBD per la gestione del dolore neuropatico

Chiunque abbia sperimentato la neuropatia sa che si tratta di un’esperienza angosciante e unica. Le sensazioni di formicolio elettrico, bruciore, puntura e pungiglione si manifestano di solito alle estremità, ma possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo. Il dolore nervoso è unico in quanto è causato da un danno ai nervi stessi (disco scivolato, nervo schiacciato, condizioni croniche come la sclerosi multipla o danni a seguito di una lesione) piuttosto che ai tessuti circostanti. Il dolore neuropatico è quindi il risultato di un malfunzionamento del sistema di percezione del dolore nel corpo.

A causa di un danno alle cellule nervose – le cellule che il corpo utilizza per trasmettere i segnali da e verso il cervello – il dolore neuropatico può causare sensazioni strane e frustranti che rendono difficile o addirittura impossibile dormire, mangiare e svolgere altre attività quotidiane. I danni ai nervi sono notoriamente difficili da trattare (anche se sono state condotte molte ricerche in merito) e molti antidolorifici convenzionali non aiutano.

Il cannabidiolo o CBD ha dimostrato di fornire effetti neuroprotettivi, antinfiammatori, analgesici, antiossidanti e antispastici che possono essere applicati con successo ai regimi di trattamento del dolore neuropatico. Il CBD, derivato dalla canapa e noto per la sua efficacia senza rischio di dipendenza o assuefazione, può essere utilizzato per via orale, inalatoria o topica per alleviare il dolore neuropatico.

Grazie alla sua capacità di manipolare le sensazioni della pelle e del corpo, molti considerano i prodotti topici a base di CBD particolarmente utili per lenire e alleviare il dolore neuropatico. I prodotti topici offrono un sollievo più rapido e una maggiore personalizzazione rispetto ai metodi di dosaggio orale. Ingredienti di supporto come cannella, zenzero, menta piperita e capsaicina possono ridurre o eliminare il dolore nervoso quando vengono applicati sulla pelle, modificando il modo in cui le cellule nervose si attivano.

Se da un lato questi ingredienti di supporto aprono molte porte per un sollievo più efficace dal dolore, dall’altro aumentano il rischio di effetti collaterali, soprattutto nelle persone con pelle sensibile o soggetta ad allergie. I prodotti a base di CBD per uso topico hanno un ruolo nel trattamento del dolore neuropatico, ma il supporto di ingredienti non adatti al vostro tipo di pelle può ridurre (o addirittura eliminare del tutto) i loro benefici.

Qui illustreremo la fisiologia della neuropatia prima di discutere il ruolo del CBD topico nel sollievo. Parleremo poi dei migliori vettori e ingredienti di supporto per il sollievo dal dolore neuropatico, compresi il loro funzionamento, i loro effetti benefici e i rischi ad essi associati. Infine, concludiamo con una breve nota sui componenti resistenti.

Cosa provoca il dolore neuropatico?

Il sistema nervoso è composto da diversi attori chiave: neuroni, mielina e cellule gliali. I neuroni sono come i fili elettrici del corpo che trasportano i segnali da e verso il cervello. Si tratta di cellule lunghe e ramificate che utilizzano molecole cariche per trasportare i segnali lungo la cellula prima di trasferirli a quella successiva.
Alcuni neuroni sono ricoperti da una sostanza chiamata mielina, un rivestimento protettivo che aiuta ad accelerare il movimento dei messaggi chimici. Le cellule chiamate glia aiutano a proteggere i nervi e a farli funzionare normalmente. In un sistema nervoso sano, questi diversi tipi di cellule lavorano insieme e i messaggeri ionici passano senza problemi attraverso le sinapsi (spazi che facilitano la comunicazione chimica tra i neuroni).

La neuropatia si verifica quando una di queste cellule nervose viene danneggiata. Questo danno può essere causato da molti fattori diversi. Anche se lesioni come un’ernia del disco o un nervo schiacciato possono causare sforzi fisici e danni ai neuroni, non sono le uniche cause possibili. Condizioni croniche come la sclerosi multipla, il diabete (anche pre-diabete) e le malattie cardiovascolari possono causare danni alle cellule nervose alterando l’ambiente chimico dell’organismo o inducendo le cellule immunitarie ad attaccare erroneamente il tessuto nervoso.

Ma perché il danno ai nervi è così grande e perché causa un dolore così strano e forte? Pensate ai nervi e alla loro mielina come a un filo elettrico rivestito di gomma. Se questo rivestimento in gomma è danneggiato, l’elettricità non scorre più in modo pulito lungo il filo, ma può causare cortocircuiti, scintille o addirittura interrompersi completamente. I neuroni funzionano in modo molto simile e un neurone danneggiato è più probabile che invii segnali di dolore fuorvianti quando non c’è nulla che non va; più grave è il danno al nervo, più intensa è la neuropatia.

Come può il CBD aiutare a gestire il dolore neuropatico?

Fin qui può sembrare un po’ cupo, ma restate sintonizzati. È vero che la scienza del recupero delle lesioni nervose è ancora lontana, ma questo non significa che il sollievo sia fuori portata. Anche se la ricerca è ancora agli inizi, gli studi attuali suggeriscono che il CBD ha proprietà neuroprotettive e antispasmodiche che possono aiutare a calmare i neuroni logori e ad alleviare il dolore neuropatico.

I meccanismi esatti di questo effetto sono ancora in fase di studio, ma ciò che sappiamo è che il CBD ha un effetto regolatore positivo su molti sistemi dell’organismo, compreso il sistema nervoso. Ciò significa che il CBD può contribuire a ridurre la frequenza e l’intensità dei segnali di dolore neuropatico calmando i neuroni sovrastimolati e riducendo l’infiammazione e il dolore spesso associati. Può anche ridurre le sensazioni di formicolio, bruciore, puntura e distorsione comunemente riscontrate nella neuropatia, nonché gli spasmi e le contrazioni involontarie spesso associati a questa patologia.

Ricerche precedenti suggeriscono che l’applicazione topica di CBD può agire sulla neuropatia in modo più efficace rispetto ai trattamenti convenzionali, compresi gli antidolorifici oppioidi. Tuttavia, a causa del maggior numero di ingredienti di supporto rispetto al CBD orale, gli agenti topici comportano un rischio relativamente più elevato di reazioni avverse o allergiche. Inoltre, i loro effetti possono variare significativamente da un prodotto all’altro, a seconda del vettore e degli ingredienti di supporto contenuti.

Oli di CBD per uso topico per i dolori nervosi

Gli oli portanti e gli altri ingredienti essenziali hanno un’influenza significativa sull’effetto complessivo e soprattutto sugli effetti sensoriali del prodotto finale. Poiché la sensazione è così importante per gestire e lenire efficacemente il dolore neuropatico, pensiamo che un po’ di conoscenza degli ingredienti portanti possa aiutare i nostri lettori a orientarsi più facilmente nell’incredibile varietà di prodotti topici a base di CBD disponibili e a trovare la formula migliore per le loro esigenze.

Poiché il CBD è una molecola non polare, è insolubile in acqua, una molecola polare. Questo rende difficile l’assorbimento e la metabolizzazione da parte del nostro organismo: dopo tutto, più del 70% di noi è costituito da acqua e l’acqua è il solvente della maggior parte dei nostri processi biologici. Sebbene non sia facilmente solubile in acqua, il CBD si lega bene ai lipidi come grassi, oli e oli vegetali. Quando si lega a questi composti, il CBD viene assorbito molto più facilmente dall’organismo, aumentando notevolmente la sua efficacia. Questo vale sia per i prodotti CBD topici che per quelli orali. Grazie alla loro composizione burrosa e alle proprietà emollienti, questi composti sono spesso i migliori per aiutare a lenire le sensazioni di calore.

I lipidi non sono l’unico tipo di molecola che può contribuire a rendere la dose di CBD più biodisponibile; anche altre molecole con carica polare relativamente debole possono essere efficaci. Questi composti possono includere elementi come il gel di aloe vera, vari tipi di alcol o glicerolo. A differenza della sensazione di pesantezza e oleosità dei prodotti lipidici, queste molecole “polari leggere” tendono a evaporare più facilmente, rendendole ideali per sostenere gli effetti di raffreddamento, formicolio o intorpidimento. Se il dolore nervoso tende a essere una sensazione di bruciore, puntura o pizzicore, un prodotto rinfrescante può aiutare a regolare l’attivazione dei nervi danneggiati, riducendo il dolore. Si consiglia di optare per prodotti a base di aloe vera, glicerolo o alcol cetilico quando possibile. Questo perché altri alcoli, come l’isopropilico, lo stearilico o l’etilico, possono danneggiare nel tempo i legami tra le cellule della pelle, aumentando la secchezza e causando disagio. L’alcol cetilico, invece, è un alcol grasso derivato dalla noce di cocco, che può essere meno dannoso (ma chi è allergico alla noce di cocco dovrebbe evitarlo).

Se si desidera qualcosa con proprietà più riscaldanti e rilassanti per alleviare i crampi, si consiglia di scegliere prodotti formulati con oli, candele o olio vegetale. Gli oli derivati da piante come l’oliva, l’avocado, il cartamo, l’argan, la jojoba, i semi d’uva, la mandorla e il cocco possono essere utilizzati in combinazione con oli vegetali come il karité, il cacao e il mango per ottenere formule cremose, mentre la carnauba o la cera d’api possono dare una consistenza più solida, simile a quella di un unguento. Abbiamo scoperto che le formule più emollienti mantengono attivi più a lungo ingredienti riscaldanti come lo zenzero, la cannella e la capsaicina, prolungando il sollievo dai sintomi.

Se preferite evitare l’uso di prodotti che manipolano le vostre emozioni e percezioni, non c’è problema! Esistono molti prodotti topici a base di CBD che non provocano alcuna sensazione di calore. Si consiglia di scegliere un vettore in base al proprio tipo di pelle e di evitare gli ingredienti che tendono a provocare alterazioni del senso del tatto. Di solito si tratta di elementi come mentolo, capsaicina, cannella e zenzero, ma a volte possono contenere anche estratti più blandi come la lavanda o l’arnica, quindi ascoltate il vostro corpo a questo proposito.

Se volete provare il CBD topico per il dolore nervoso, ma avete una pelle molto sensibile che si oppone alla maggior parte degli ingredienti tradizionali, non perdete ancora la speranza. Invece di scegliere una formula topica con una lunga lista di ingredienti, provate a usare una tintura di CBD non aromatizzata fatta solo di CBD e di un olio vettore adatto. È possibile applicarlo in modo sicuro sulla pelle senza preoccuparsi di allergie nascoste, beneficiando al contempo delle proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie e antispasmodiche del CBD per uso topico. Se decidete di provare una formula topica, vi consigliamo un balsamo o un unguento che in genere contiene meno allergeni comuni rispetto a creme, lozioni o formule roll-on.

Il dolore neuropatico è piuttosto difficile da trattare, ma il CBD può dare sollievo laddove altri trattamenti hanno fallito. L’applicazione topica di CBD può essere particolarmente utile nella neuropatia periferica, alleviando l’intorpidimento, il bruciore e il dolore lancinante spesso associati a danni ai nervi. Sebbene il CBD abbia un forte potenziale terapeutico per il dolore neuropatico, gli ingredienti giusti possono fare una differenza significativa nella vostra esperienza di salute. Si consiglia di prestare attenzione a quanto riportato sull’etichetta dei prodotti topici a base di CBD – in caso di dubbio, contattare il produttore per qualsiasi domanda o dubbio.

Ingredienti di supporto al CBD per uso topico per il dolore nervoso

  • Capsaicina La capsaicina, la sostanza chimica che conferisce al peperoncino la sua caratteristica amarezza (e al peperoncino il suo famigerato bruciore), ha certamente un potenziale infiammatorio. Tuttavia, in piccole dosi, il composto infuocato può effettivamente agire come antinfiammatorio, stimolando la circolazione e riducendo il dolore e il gonfiore. Inoltre, quando viene applicato sulla pelle (sempre ben diluito), crea una sensazione di calore che può essere utile per alleviare alcuni tipi di dolore nervoso. I ricercatori ritengono che questo effetto analgesico possa essere in parte dovuto al fatto che questa sensazione aiuta a desensibilizzare la pelle e quindi la sensazione di dolore. La capsaicina viene utilizzata in dosi molto ridotte nei prodotti antidolorifici topici a base di CBD ed è generalmente ben tollerata. Tuttavia, chi è allergico ai peperoncini dovrebbe fare attenzione a evitarlo.
  • Chiodi di garofano – Sebbene non sia altrettanto efficace per la neuropatia profonda della fascia, l’olio di chiodi di garofano funziona molto bene per lenire la sensazione di dolore neuropatico nella pelle e nei tessuti superficiali. Il chiodo di garofano è una spezia piccola ma potente, con proprietà analgesiche sorprendenti. È stato dimostrato che l’olio di chiodi di garofano è efficace quanto la benzocaina nell’alleviare il dolore quando viene applicato per via topica. È inoltre dimostrato che il chiodo di garofano può avere un effetto regolatore positivo sui nervi, aiutando a regolarne la funzione e potenzialmente riducendo l’intensità e la sensazione del dolore. Il chiodo di garofano ha un aroma autunnale e speziato ed è generalmente ben tollerato, ma dovrebbe essere evitato dalle persone allergiche ai chiodi di garofano.
  • Eucalipto – L’eucalipto è ampiamente utilizzato per le sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie (e per la sua capacità di liberare il naso chiuso). L’estratto di eucalipto, un albero aromatico originario dell’Australia, può avere un ruolo nell’alleviare il dolore neuropatico. Sebbene il meccanismo non sia ancora stato completamente chiarito, sembrano essere all’opera due fattori. L’eucalipto ha proprietà antidolorifiche quando viene applicato per via topica e può contribuire a ridurre la sensibilità dei nervi danneggiati regolandone il funzionamento. In secondo luogo, l’aroma dell’eucalipto può ridurre la percezione del dolore influenzando l’elaborazione dei segnali dolorosi da parte del sistema nervoso centrale. Le persone affette da asma devono essere avvertite che l’eucalipto può scatenare attacchi in alcuni soggetti (ma può essere utile per altri).
  • Feverfew – Il nome di questa erba deriva dal suo uso tradizionale nel trattamento del dolore e delle infiammazioni. Le foglie e i fiori del partenio, noto anche come macis celeste, producono composti che riducono gli spasmi muscolari e la sensazione di bruciore, formicolio, spilli e aghi associata al dolore neuropatico. È stato dimostrato che ha proprietà analgesiche e antispasmodiche quando viene applicato sulla pelle, ma il modo in cui questi effetti si verificano non è del tutto chiaro. Una nuova ricerca suggerisce che ciò potrebbe essere dovuto ai terpeni, ai flavonoidi e ad altri composti bioattivi presenti nell’estratto di pioppo. In tal caso, questi terpeni e altre sostanze fitochimiche possono contribuire a sostenere la dose di CBD in un antidolorifico topico.
  • Zenzero – Uno degli ingredienti preferiti in cucina, l’uso dello zenzero come antinfiammatorio, antidolorifico e antiemetico è ben documentato nella storia. L’estratto di radice della pianta può contribuire ad alleviare il dolore neuropatico e a lenire i nervi infiammati se applicato topicamente. Può anche provocare un leggero riscaldamento e formicolio della pelle, che aiuta ad attenuare il dolore neuropatico, desensibilizzando i nervi danneggiati e regolandone il funzionamento. Questi benefici sono evidenti anche quando si consuma lo zenzero (anche se si dovrebbe usare un integratore separato), indicando che può essere utile anche nella dieta delle persone che lottano contro la neuropatia. Le persone allergiche allo zenzero o con determinati problemi di integrazione sensoriale dovrebbero usare con cautela i prodotti topici a base di CBD.
  • Lavanda – Da sempre preferita nell’aromaterapia e nei profumi per la casa, la lavanda ha da tempo proprietà ansiolitiche, antinfiammatorie, analgesiche e ipnotiche. Applicato sulla pelle, è potenzialmente una buona opzione per il [recupero post-infortunio] grazie alle sue proprietà antimicotiche, antibatteriche e antidolorifiche. Alcuni studi hanno dimostrato che la lavanda può contribuire a ridurre il dolore da emicrania e ad alleviare la gravità e l’intensità del dolore neuropatico. L’effetto calmante dell’aromaterapia alla lavanda può anche contribuire a ridurre la percezione del dolore nel sistema nervoso centrale. Chi è allergico alla lavanda dovrebbe essere cauto, poiché è un ingrediente popolare in molti prodotti topici a base di CBD per alleviare il dolore.
  • Perperita – La menta piperita (e altri membri del genere menta, come la mentuccia) contiene mentolo, un ingrediente popolare nei prodotti topici antidolorifici grazie alla sensazione di raffreddamento che produce quando viene applicata sulla pelle. Alcune persone possono rendersi conto che è il mentolo ad aiutarle a gestire il dolore neuropatico. Ciò può essere dovuto all’effetto del mentolo sui recettori della pelle, sensibilizzandoli alla sensazione di freddo e quindi alleviando potenzialmente il dolore da bruciore o da puntura. Anche gli altri due componenti principali dell’estratto di menta piperita, il limonene e il carvacrolo, sono stati ritenuti in grado di alleviare il dolore e l’infiammazione se usati esternamente. Per ottenere tutti i benefici terapeutici, cercate prodotti che contengano estratto di menta piperita, non solo mentolo, e tenete qualsiasi sostanza contenente menta piperita o mentolo lontano dalle membrane mucose. Fate attenzione alla menta piperita (e ad altri tipi di menta) se siete allergici o se avete la pelle particolarmente sensibile.
  • Rosmarino – Molto apprezzato nelle tradizioni culinarie di tutto il mondo, il rosmarino è un’erba arbustiva ricca di terpeni, flavonoidi e altre sostanze fitochimiche che possono essere efficaci contro la neuropatia. La pianta è stata utilizzata in passato contro il dolore, la febbre e le crisi epilettiche e le ricerche attuali suggeriscono che potrebbe avere proprietà antispasmodiche. Uno studio suggerisce che il rosmarino è efficace nel rilassare la muscolatura liscia (muscoli sui quali non si ha un controllo cosciente; si contraggono involontariamente e possono causare dolori debilitanti a causa della loro vicinanza a organi e ossa). Questa proprietà può rendere il rosmarino un additivo antispasmodico lenitivo per i prodotti a base di CBD per uso topico contro il dolore neuropatico.
  • Curcuma – La curcuma, una radice dai colori vivaci popolare nella cucina del sud-est asiatico, è estremamente ricca di un composto chiamato curcumina. La curcumina è utilizzata per combattere il dolore, la febbre e l’infiammazione e la ricerca suggerisce che potrebbe essere utile anche contro il dolore neuropatico. Sebbene siano necessari ulteriori studi, la curcumina allevia il dolore agendo sui recettori che possono contribuire a bloccare i segnali del dolore neuropatico. Applicata per via topica, la curcumina può ridurre la frequenza e l’intensità del dolore neuropatico regolando l’attività dei neuroni danneggiati. È generalmente ben tollerata, ma dovrebbe essere evitata dalle persone allergiche alla curcuma.

CBD e fibromialgia

La fibromialgia è una patologia potenzialmente debilitante che provoca tensione muscolare diffusa, dolore e affaticamento. Associata all’artrite, la fibromialgia può rendere difficili o impossibili anche semplici attività. Essendo una condizione cronica, la fibromialgia può essere trattata ma non curata. Come molte altre patologie croniche, il dolore da fibromialgia è spesso difficile da trattare e può comportare l’assunzione di farmaci pesanti.

Come il CBD può aiutare la fibromialgia

Il cannabidiolo o CBD è un composto naturale presente nella pianta di cannabis che non ha effetti psicoattivi. Molti Stati che ancora vietano la cannabis terapeutica fanno eccezioni per il CBD a causa delle sue numerose proprietà medicinali e del fatto che l’utente non può “sballarsi” come fa il composto THC. Una delle condizioni in cui il CBD è comunemente utilizzato è la fibromialgia.

La fibromialgia è una condizione caratterizzata da una serie di sintomi gestibili ma cronici, tra cui dolore, affaticamento, sbalzi d’umore e perdita di memoria. Si ritiene che questo disturbo modifichi il modo in cui il cervello elabora i segnali del dolore, intensificando così tutti i dolori corporei. La fibromialgia colpisce più donne che uomini ed è più comune negli adulti di età compresa tra i 40 e i 75 anni.

Sebbene i ricercatori non siano del tutto certi delle cause della fibromialgia, alcuni studi suggeriscono che potrebbe essere coinvolta la genetica. Si ritiene che la maggiore sensibilità al dolore associata alla fibromialgia sia causata dalla riduzione dei livelli di alcuni neurotrasmettitori cerebrali, tra cui la serotonina e la noradrenalina.

Gli attuali trattamenti per la fibromialgia comprendono farmaci e auto-aiuto, come ad esempio l’adozione di misure per migliorare la salute generale. I trattamenti variano a seconda dei sintomi, ma vanno dagli antidolorifici, agli antidepressivi (per aiutare a trattare il dolore e la fatica) e ai farmaci antiepilettici (che possono essere utili per ridurre alcuni dolori e altri sintomi della fibromialgia).

La scienza del CBD per la fibromialgia

Il corpo umano è dotato di un sistema endocannabinoide composto da vari recettori che aiutano il cervello a comunicare con il resto del corpo. Uno studio pubblicato nel 2016 sulla rivista Cannabis and Cannabinoid Research presenta una ricerca a sostegno della teoria che una carenza di endocannabinoidi, neurotrasmettitori che si legano ai recettori endocannabinoidi e facilitano la comunicazione cellulare, possa essere la causa di sindromi di dolore cronico resistenti al trattamento. Tra questi, l’emicrania, la sindrome dell’intestino irritabile e la fibromialgia. Il CBD per la fibromialgia può aiutare a trattare questa carenza e quindi a ridurre l’intensità dei sintomi.

Il sistema endocannabinoide invia segnali di dolore tra il cervello e il corpo. È stato riscontrato che il CBD altera queste vie nervose e quindi il dolore percepito dall’organismo. Questo, insieme alle ricerche che mostrano gli effetti antinfiammatori del CBD, può spiegare perché il CBD è un trattamento efficace per molti malati di fibromialgia.

Va notato che il CBD riduce i sintomi della fibromialgia solo in alcuni pazienti. Come tutti i farmaci, il CBD non è una panacea magica e può essere inefficace per alcune persone. Prima che il CBD possa essere ufficialmente stabilito come trattamento per la fibromialgia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i progressi della scienza del CBD per la fibromialgia, nonché il motivo per cui funziona per alcuni e non per altri. Tuttavia, alcune ricerche esistenti sperano di illuminare la strada per scoprire il pieno potenziale terapeutico del CBD per la fibromialgia.

Ricerca attuale: Risultati dello studio

Uno studio del 2008 ha esaminato la letteratura scientifica attraverso il database della National Library of Medicine e altre fonti per indagare come la carenza clinica di endocannabinoidi potrebbe spiegare perché l’emicrania, la fibromialgia e la sindrome dell’intestino irritabile sono alleviate dalla cannabis. “I cannabinoidi hanno analogamente dimostrato la capacità di bloccare i meccanismi spinali, periferici e gastrointestinali che promuovono il dolore nella cefalea, nella fibromialgia, nella sindrome dell’intestino irritabile e nei disturbi correlati”.

Per saperne di più

Uno studio del 2019 ha esaminato gli effetti della cannabis farmaceutica inalata in uno studio randomizzato controllato con placebo. Quattro diverse varietà di cannabis contenenti diversi livelli di CBD e THC sono state testate su 20 pazienti con dolore cronico e fibromialgia. “[Più soggetti che hanno assunto Bediol [13,4 mg di THC, 17,8 mg di CBD] hanno mostrato una riduzione del 30% dei punteggi del dolore rispetto al placebo (90% contro 55% dei pazienti)”.

Per saperne di più

Regime CBD consigliato per la fibromialgia

La fibromialgia può causare un dolore costante che rende difficile anche le attività più piacevoli. Come molte patologie croniche, il dolore della fibromialgia può essere difficile da gestire. Il CBD può aiutare la fibromialgia e, se sì, come? In questa sede esamineremo le prove scientifiche a favore del CBD nella fibromialgia. Esamineremo le cause e i sintomi della fibromialgia e del dolore associato prima di discutere come il CBD può aiutare ad alleviare questi sintomi. Vi forniremo anche alcune indicazioni sul dosaggio per aiutarvi a integrare il CBD nella vostra routine di guarigione dalla fibrosi.

La fibromialgia è una condizione cronica che richiede un trattamento quotidiano. Quando si prende in considerazione il CBD come metodo di trattamento, bisogna tenere presente che i benefici del CBD per la fibromialgia non sono ancora stati dimostrati. Tuttavia, molte persone trovano che l’applicazione regolare di CBD per via sistemica o topica aiuti a migliorare il loro disagio.

Per il dolore corporeo, si consiglia un prodotto topico come la lozione al CBD, da applicare direttamente sulla zona interessata. In questo modo si ottiene un sollievo localizzato e duraturo, quando e dove serve. Applicare abbondantemente e massaggiare la pelle.

Per il rilassamento quotidiano e la stabilizzazione generale dell’umore, si consiglia di assumere una tintura di CBD ogni mattina. Iniziare con una dose bassa (una goccia intera) e aumentare secondo le necessità. Se siete nuovi alle tinture, provate una varietà aromatizzata e mescolatela al caffè o al tè.

Sebbene il CBD per la fibromialgia possa essere efficace per molte persone, è importante ricordare che non è una panacea. Molte persone riferiscono che il CBD per la fibromialgia tende a funzionare meglio se accompagnato da farmaci tradizionali e da cambiamenti nello stile di vita. Il trattamento sarà diverso per ogni paziente, ma gli studi hanno dimostrato che il CBD può offrire una soluzione a molti dei disturbi associati alla condizione. Il primo passo migliore potrebbe essere quello di parlare del CBD con il proprio medico.

Vale anche la pena di notare che la Food and Drug Administration (FDA), pur riconoscendo il valore potenziale del CBD, non lo ha ancora approvato come opzione terapeutica regolamentata. L’Agriculture Improvement Act (noto anche come Farm Bill) del 2018 regolamenta la canapa industriale, ma non cambia lo status legale del CBD. Nel complesso, saranno necessarie ulteriori ricerche e studi clinici per comprendere appieno come questa sostanza naturale possa aiutare a trattare questa malattia cronica.

Risultati degli studi su CBD e gestione del dolore

La ricerca specifica sull’uso e la farmacocinetica dei cannabinoidi per la gestione del dolore risale a più di un decennio fa. Ad oggi, numerosi sforzi di ricerca sono stati indirizzati a spiegare come il cannabidiolo possa agire per aiutare ad alleviare il dolore. Questa vasta gamma di ricerche ha studiato l’uso del CBD per il dolore in vari modi, da solo, in combinazione con il THC e sotto forma di farmaci a base di cannabinoidi.

Nel complesso, la ricerca suggerisce che il cannabidiolo può essere utile per gestire il dolore di diverse condizioni, compreso il dolore neuropatico, come quello associato alla sclerosi multipla. Alcuni studi hanno anche dimostrato che il CBD può essere un’opzione terapeutica adatta per il dolore causato dall’infiammazione, come quello dovuto all’artrite o a lesioni muscolari. La ricerca ha persino suggerito che i trattamenti a base di cannabinoidi possono essere adatti per affrontare il dolore intrattabile associato al cancro.

La ricerca sull’uso del CBD per il dolore è ancora agli inizi, ma i ricercatori stanno mostrando un chiaro interesse per le proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive del CBD, nonché per il suo uso per affrontare il dolore associato a varie condizioni neurologiche e fisiche. Questi studi suggeriscono che vari metodi di dosaggio, dalla somministrazione orale a quella transdermica, possono essere adatti a gestire il dolore associato a una o più di queste condizioni.

1. Cannabinoidi per la gestione del dolore

Un articolo del 2008 ha esaminato diversi studi sull’analgesia da cannabinoidi e sulla funzione del sistema endocannabinoide in relazione ai meccanismi del dolore, nonché numerosi studi clinici sull’uso dei cannabinoidi per la gestione del dolore. L’articolo conclude: ” Gli analgesici cannabinoidi sono generalmente ben tollerati negli studi clinici con un profilo di eventi avversi accettabile. La loro aggiunta all’armamentario farmacologico per la gestione del dolore è promettente.

Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2503660/

2. Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2503660/

Una meta-analisi sul dolore associato alla sclerosi multipla

Uno studio del 2007 ha esaminato l’effetto dei cannabinoidi sul trattamento del dolore debilitante provato dal 50-70% dei pazienti con sclerosi multipla (SM). Lo studio in doppio cieco controllato con placebo ha concluso che “I cannabinoidi, compreso il cannabidiolo (CBD)/THC in spray buccale, sono efficaci nel trattamento del dolore neuropatico nella SM”.

Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17257464

3. Studio di due anni sul dolore neuropatico

Un altro studio condotto nel 2007 ha valutato la tollerabilità e gli effetti a lungo termine del farmaco THC/CBD noto come Sativex. Lo studio ha concluso che “il THC/CBD è stato efficace senza evidenze di tollerabilità in pazienti selezionati con CNP e SM che hanno completato circa 2 anni di trattamento”.

Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18035205

4. Cannabinoidi per il dolore neuropatico

In uno studio del 2014 “Il sistema endocannabinoide è stato delucidato negli ultimi anni e ha mostrato un’interazione significativa con l’omeostasi del dolore. I cannabinoidi esogeni (di origine vegetale) hanno dimostrato di essere efficaci in diversi modelli sperimentali di dolore neuropatico e ci sono sempre più prove del loro uso terapeutico nelle condizioni di dolore neuropatico umano”.

Per ulteriori informazioni: “L’analgesia è uno dei principali bersagli terapeutici del sistema cannabinoide e diversi studi hanno dimostrato l’efficacia dei composti cannabinoidi nel trattamento del dolore neuropatico”.

Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25150831

6. Il cannabidiolo sull’efficacia della chemioterapia del sistema nervoso

Uno studio del 2014 ha esaminato il potenziale terapeutico del CBD nel trattamento del dolore neuropatico indotto dalla chemioterapia (CIPN). I ricercatori hanno concluso che “il trattamento supplementare con CBD durante la chemioterapia con PAC può essere sicuro ed efficace nel prevenire o alleviare il dolore neuropatico indotto dalla chemioterapia”.

Per ulteriori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24117398

7. Effetti antiiperalgesici della cannabis nel ratto

Uno studio del 2008 ha rilevato che “un estratto controllato di cannabis contenente più cannabinoidi e altre frazioni non cannabinoidi (terpeni e flavonoidi) in un rapporto definito ha fornito un’attività antinocicettiva superiore a quella di un singolo cannabinoide somministrato da solo.” L’uso dell’olio di CBD a spettro completo è quindi più efficace nel trattamento del dolore rispetto all’assunzione del solo CBD isolato – si vogliono ottenere i terpeni e i flavonoidi benefici che si trovano nella pianta.

Per maggiori informazioni: Cannabinoidi non psicoattivi che modulano l’antinocicezione

Uno studio del 2011 ha valutato gli effetti di due cannabinoidi non psicoattivi – cannabidiolo (CBD) e cannabicromene (CBC) – sulla gestione del dolore. Lo studio ha concluso che: “CBD e CBC stimolano le vie antinocicettive a valle e inducono analgesia interagendo con varie proteine bersaglio coinvolte nel controllo della nocicezione. Questi composti possono rappresentare utili agenti terapeutici con molteplici meccanismi d’azione”.

Per saperne di più: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20942863

9. I cannabinoidi sopprimono l’infiammazione attraverso i recettori α3 della glicina

Uno studio del 2012 ha riportato che “la somministrazione sistemica e intratecale di cannabidiolo (CBD), un importante componente non psicoattivo della marijuana, e dei suoi derivati modificati ha soppresso in modo significativo il dolore infiammatorio cronico e neuropatico senza indurre tolleranza analgesica evidente.. questi cannabinoidi possono rappresentare una nuova classe di agenti terapeutici per il trattamento del dolore cronico e di altre malattie…”.

Per saperne di più: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22585736

10. Efficacia dell’estratto di THC:CBD nel dolore correlato al cancro

Uno studio del 2010 ha esaminato l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità dell’estratto di THC:CBD in pazienti con dolore persistente correlato al cancro. ” Questo studio dimostra che l’estratto di THC:CBD è efficace nell’alleviare il dolore nei pazienti con dolore oncologico avanzato non completamente alleviato da forti oppioidi .”

Per maggiori informazioni: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19896326

<2

Rischi del CBD per i pazienti con dolore cronico

Sebbene il CBD sia stato dichiarato generalmente sicuro da molti studi e persino dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è importante notare che il CBD può interagire con alcuni farmaci. Così come il pompelmo interagisce con alcuni farmaci, il CBD può influire sull’assorbimento dei farmaci metabolizzati dal gruppo enzimatico del citocromo P450. Questo perché anche il CBD si basa su questo gruppo di enzimi epatici per l’assorbimento, per cui esiste un potenziale significativo di interazione quando farmaci e CBD vengono assunti contemporaneamente.

L’interazione può includere la maggior parte dei farmaci da prescrizione assunti per il dolore, come gli oppioidi, che spesso utilizzano le vie del citocromo P450 per l’assorbimento. Queste interazioni non sono necessariamente pericolose, ma possono portare a un indebolimento dell’effetto del farmaco, che può essere pericoloso se il farmaco è destinato a trattare sintomi gravi o una condizione cronica.

L’effetto del CBD su questi enzimi epatici è temporaneo. Spesso la distanza tra la dose di CBD per il dolore e il farmaco può risolvere il problema, ma è sempre meglio parlare con il proprio medico del CBD prima dell’uso, soprattutto se si stanno già assumendo farmaci da prescrizione o se si soffre di una patologia cronica.

Effetti sinergici di THC e CBD per il dolore

Anche se il THC, l’ingrediente responsabile della sensazione di “sballo” nella cannabis, riceve la maggior parte dell’attenzione e della stampa (dopo tutto, le sostanze psicoattive sono spesso glamourzzate come composti chimici), gli scienziati e il pubblico in generale stanno diventando più consapevoli di un altro ingrediente della cannabis con proprietà medicinali, il CBD: CBD. Il CBD sta guadagnando popolarità negli ultimi anni, ma il suo ruolo nel consumo di cannabis non è ancora del tutto chiaro. I benefici terapeutici del CBD sono evidenti, con potenziali applicazioni in tutti i campi, dai disturbi del sonno al dolore cronico, dallo stress post-traumatico alle malattie infiammatorie intestinali.

Oltre alle sue proprietà, ci sono alcune prove che suggeriscono che il CBD può lavorare in combinazione con il THC e altri cannabinoidi e produrre effetti sinergici non prodotti dai singoli componenti. Questa teoria è nota come Effetto Entourage ed è ampiamente accettata nei circoli dei consumatori di cannabis. In particolare, ci sono prove a sostegno di una relazione sinergica tra THC e CBD, il che significa che i due composti possono lavorare insieme per produrre effetti non riscontrabili nella forma pura dei due composti.

Composizione della cannabis

La cannabis è una pianta complessa composta da oltre 400 componenti chimici. Di questi, più di 113 sono classificati come cannabinoidi, ovvero si legano ai recettori dei cannabinoidi nel corpo. Anche i cannabinoidi vengono prodotti naturalmente (sono chiamati endocannabinoidi e contribuiscono alla sensazione di calma e benessere che spesso si prova dopo uno sforzo fisico, soprattutto dopo un’attività di resistenza), ed è per questo che nel sistema nervoso centrale sono presenti i relativi recettori. I cannabinoidi prodotti dalla cannabis, noti come fitocannabinoidi, agiscono in modo simile, producendo sensazioni simili di rilassamento, euforia e sollievo dal dolore.

Ma non tutti i cannabinoidi sono uguali e ogni composto cannabinoide agisce in modo diverso per produrre effetti diversi. Il THC è il più noto dei cannabinoidi per i suoi effetti psicoattivi, che inducono euforia, e per il suo potenziale di causare effetti collaterali spiacevoli come ansia e paranoia, soprattutto ad alte dosi. Ha effetti medicinali, soprattutto per quanto riguarda il dolore e l’infiammazione, ma molte persone non possono o non vogliono assumerlo in dosi elevate perché non vogliono essere danneggiate dai suoi effetti psicoattivi.

Anche il CBD è un cannabinoide, ma non ha gli effetti psicoattivi del THC, il che significa che nessuna quantità di CBD vi farà sballare. Tuttavia, come il THC, offre anche benefici medici come l’alleviamento del dolore cronico, dell’ansia e della nausea, oltre a potenziali benefici per disturbi che vanno dalle malattie cardiovascolari all’ictus e al diabete. Il CBD, in particolare, sembra essere un trattamento promettente per l’epilessia resistente ai farmaci. Sebbene siano necessarie molte altre ricerche, i risultati preliminari sono positivi e, poiché non comporta alcun potenziale di abuso, il CBD può essere ordinato online e spedito in tutti i 50 Stati degli USA.

Oltre al THC e al CBD, una terza classe di sostanze chimiche chiamate terpenoidi può contribuire a potenziare gli effetti di altri cannabinoidi. I terpenoidi si trovano naturalmente in molte piante e alimenti aromatici (conoscete il mito del mango che aiuta a sballarsi? I terpenoidi sono le sostanze chimiche responsabili sia del ricco sapore del mango, compresa la cannabis, sia della sua capacità di aumentare il livello di intossicazione). I terpenoidi non forniscono alla cannabis solo il suo sapore, ma possono anche aiutare a “innescare” i recettori dei cannabinoidi, facendoli rispondere più facilmente ai cannabinoidi.

Sappiamo che il CBD e il THC possono essere usati da soli (sotto forma di concentrati isolati) per ottenere effetti diversi, ma che dire dell’uso congiunto, come facciamo quando consumiamo fiori interi e concentrati di piante intere? Se si fa uso di farmaci, il consumo congiunto di THC e CBD presenta dei vantaggi e ci sono prove che suggeriscono una relazione sinergica tra gli effetti del THC e del CBD nel trattamento di varie patologie.

Sinergia tra THC e CBD

Alcuni studi hanno dimostrato una relazione sinergica tra THC e CBD, soprattutto nelle applicazioni mediche. Uno studio del 2008 ha rilevato che esistono prove a sostegno di una relazione sinergica tra cannabinoidi e terpeni, in particolare nel trattamento delle seguenti condizioni: infiammazione cronica, dolore, ansia e depressione; epilessia; cancro; infezioni fungine e batteriche; dipendenza. Il meccanismo esatto di questa sinergia non è ancora noto. I terpeni potrebbero aver contribuito a combinare gli effetti del THC e del CBD, il CBD e il THC potrebbero aver potenziato gli effetti reciproci, oppure potrebbe trattarsi di una combinazione dei due (e forse di altre spiegazioni non ancora scoperte).

Un altro studio del 2010 ha dato risultati leggermente più convincenti. Lo studio ha confrontato i protocolli di trattamento del dolore persistente nei pazienti oncologici. I pazienti sono stati trattati con un concentrato di THC puro, un concentrato di CBD puro, una combinazione dei due o un placebo. Lo studio ha rilevato che il CBD ha alleviato efficacemente il dolore dei pazienti, mentre il concentrato di THC non ha prodotto gli stessi risultati. Questo risultato indica la capacità del CBD di aumentare gli effetti curativi del THC.

Nello stesso studio, la combinazione di THC e CBD è risultata un sostituto adeguato degli antidolorifici oppioidi, il che significa che l’uso degli isolati di THC e CBD da soli è sufficiente a sostituire gli oppioidi nei regimi di cura e trattamento dei pazienti. Questo studio fornisce la prova di una relazione sinergica diretta tra THC e CBD nel trattamento del dolore cronico.

Uso di THC e CBD: In realtà, la maggior parte di noi consuma già THC e CBD in modo sinergico consumando fiori interi o concentrati di fiori interi. Tuttavia, ci sono dei passi da fare per iniziare a usare questa relazione a proprio vantaggio, per ottenere il massimo dall’esperienza con la cannabis e ridurre al minimo gli effetti collaterali spiacevoli.

In primo luogo, prestate attenzione al rapporto tra THC e CBD nella varietà (o nelle varietà) che avete scelto. A meno che non siate alla ricerca di uno sballo stratosferico, probabilmente non avete bisogno di una delle varietà presenti nel dispensario con un contenuto di THC super elevato. Non solo è più probabile che questi ceppi vi mettano a disagio, ma è anche più probabile che provochino effetti collaterali come paranoia e ansia. Se siete persone che già sperimentano il nervosismo quando consumano cannabis, evitate queste varietà più pesanti a favore di una pianta più equilibrata. Se la vostra unica opzione è una varietà ad alto contenuto di THC, prendete in considerazione la ricerca di un prodotto a base di CBD da abbinare alla pianta.

Esistono prove a sostegno dell’idea che il CBD possa servire a smorzare alcuni degli effetti collaterali negativi del THC sperimentati da alcuni consumatori, in particolare l’ansia. Può anche contribuire a potenziare i suoi effetti più desiderabili, come l’alleviamento del dolore e la riduzione dell’infiammazione cronica. Inoltre, i terpeni presenti nella canapa modulano gli effetti del THC e del CBD, rendendo entrambi i composti più efficaci.

La conclusione generale è questa: La pianta di cannabis deve essere consumata intera, senza scomporla nei suoi vari componenti . I prodotti di cannabis più efficaci dal punto di vista medico sono quelli che contengono tutti i cannabinoidi e i terpeni che beneficiano dell’effetto Entourage.

4 consigli per il dolore cronico

Esistono molte alternative naturali per affrontare il dolore cronico, dall’esercizio fisico regolare a una dieta corretta, fino all’aggiunta della cannabis alla routine quotidiana. Vediamo cinque consigli naturali per affrontare il dolore cronico.

Fisioterapia regolare

Ci sono molti modi per gestire e trattare il dolore cronico e uno di questi è quello di frequentare regolarmente le sedute di fisioterapia. Prima di tutto, è necessario trovare il miglior fisioterapista che comprenda correttamente le diverse tecniche necessarie. Il medico deve avere una conoscenza approfondita di come adattare la terapia per renderla adatta alla vostra condizione.

Attraverso la terapia dovreste essere in grado di scoprire i limiti della vostra tolleranza al dolore. Il terapista dovrebbe essere in grado di utilizzare queste conoscenze per consigliare esercizi di stretching e di flessibilità adatti alle vostre esigenze. Alcuni includono anche esercizi aerobici e terapie che aiutano a rafforzare il centro. Una fisioterapia regolare non solo ridurrà il dolore cronico, ma consentirà anche di raggiungere uno stato di rilassamento più profondo.

Creare un regime quotidiano con il CBD

La canapa si è dimostrata negli anni una delle migliori piante naturali per aiutare le capacità di guarigione. Oltre a contribuire ad alleviare i sintomi dell’artrite, delle infiammazioni cutanee e del diabete, la cannabis può ridurre o trattare il dolore cronico.

L’uso del cannabidiolo è molto diffuso e, come molti rimedi erboristici, non ha effetti collaterali significativi. La cannabis lavora anche con il sistema endocannabinoide per garantire un sonno sufficiente, che a sua volta aiuta l’intero organismo a rilassarsi.

I prodotti a base di cannabis possono aiutare a trattare il dolore cronico associato a varie condizioni, tra cui l’artrite e la sclerosi multipla. Alcune persone vogliono addirittura sostituire i loro farmaci con il CBD!

Ci sono molte opportunità per incorporare la canapa nella vostra vita. Alcune persone preferiscono fumare la pianta attraverso i vaporizzatori, mentre altre preferiscono le pillole o le tinture. Per maggiori informazioni, leggete “Come scegliere il prodotto CBD più adatto a voi”.

Regolare la dieta

Modificare la dieta è uno dei tanti consigli naturali per il trattamento del dolore cronico da tenere sempre in considerazione. I cibi e le bevande giusti possono migliorare l’umore e la digestione, migliorando così il benessere generale. Una delle cose che la maggior parte delle persone fa quando si tratta di esigenze nutrizionali è che tende a ignorare i segnali di sensibilità alimentare.

L’esame di alcuni tipi di alimenti che riducono l’infiammazione è un ottimo punto di partenza per ridurre il dolore cronico. Una dieta equilibrata a base di prodotti integrali, naturali e biologici, come verdura e frutta, è un ottimo inizio. Gli alimenti che dovrebbero essere limitati sono la carne rossa, gli alimenti trasformati e i cereali. Bisogna anche evitare gli alimenti che contengono troppo fruttosio. La collaborazione con il vostro medico curante può aiutarvi a trovare una dieta adatta a voi!

Meditazione quotidiana

Considerate di aggiungere una pratica di meditazione quotidiana. È uno dei modi migliori per liberare la mente e alleviare il dolore cronico, e non costa quasi nulla. Sblocca l’energia stagnante, garantendo un costante apporto di ossigeno fresco a tutte le parti del corpo. Quando il corpo e la mente sono rilassati, la mente inizia a concentrarsi sul dolore cronico che si trova in profondità.

Può essere utile trovare un insegnante spirituale che vi aiuti a raggiungere facilmente vari stati meditativi. Vi consigliamo anche di prendere in considerazione l’aggiunta della cannabis alla vostra pratica di meditazione.

Sebbene questi cinque consigli naturali non curino il dolore cronico, possono certamente contribuire ad alleviarlo. Ognuno di questi consigli naturali è ottimo da aggiungere alla vostra routine quotidiana. Si consiglia di iniziare a piccoli passi, di fare un passo alla volta e di chiedere ulteriori indicazioni a personale qualificato. Questi cinque consigli naturali vi aiuteranno ad alleviare il dolore cronico e a ritrovare la libertà.

YouTube video: Le migliori pomate per il dolore al CBD del 2023


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust