La canapa è un’arma a doppio taglio?

Uncategorized

C’è più di un modo per scuoiare un gatto, o in questo caso più di un modo per usare la cannabis. Esistono numerosi edibili, prodotti topici, tinture e oli. Ma nonostante l’ampia varietà, la maggior parte dei consumatori di cannabis continua a fumare.

Considerato il modo più efficace per infondere il corpo con i cannabinoidi, fumare la cannabis continua a essere riconosciuto come il portabandiera dei metodi di consumo della cannabis. Tuttavia, la ricerca suggerisce che fumare cannabis può essere un’arma a doppio taglio, con conseguenze che competono strettamente con i suoi benefici.

Le origini del fumo di cannabis

Nel XIX secolo, le persone usavano la cannabis (allora una coltura legale) come pianta medicinale. La massa della pianta veniva gettata in alcol ad alta gradazione insieme ad altre erbe e liquori per produrre tinture.

Questi preparati di medicina popolare persero popolarità all’inizio del 1900. Questo perché i messicani a sud del confine, in fuga dalla Rivoluzione messicana, portavano con sé fiori di cannabis essiccati e curati, avvolti in carta come sigari.

Con il tempo, è stata accettata come norma per la facilità di usarli invece di fare tinture. Così, fumare cannabis divenne una norma accettata.

Il processo di decarbossilazione

Quindi, perché fumare cannabis funziona? Tutto ciò è dovuto a un processo chiamato decarbossilazione. Si tratta essenzialmente di esporre il fiore di cannabis al calore. Con l’aumento della temperatura si verificano cambiamenti chimici.

Contrariamente a quanto si crede, i fiori di cannabis non sono in realtà ricchi di cannabinoidi. Ciò che contiene sono i cosiddetti acidi cannabinoidi. Questi precursori non sono attivi. Una volta assunti nel corpo umano, non fanno molto e probabilmente non interagiscono nemmeno con i recettori dei cannabinoidi nel sistema nervoso centrale.

Per attivarli, è necessario rimuovere il gruppo carbossilico dalla struttura chimica e sostituirlo con un legame di carbonio. L’intero processo avviene quando la sostanza vegetale viene sottoposta a trattamento termico.

Pertanto, bere cannabis fa miracoli per saturare il corpo con le sostanze chimiche della pianta. Oltre a convertire gli acidi inattivi, fumare la canapa fornisce al sistema cannabinoidi freschi e attivati che entrano nel corpo direttamente dalla fonte.

Benefici del fumo dei fiori di canapa

Sì, c’è una certa dose di elitarismo nell’intera base di utenti della canapa. Per i veterani e i purosangue, fumare cannabis è l’unico modo accettabile di utilizzare l’ambito prodotto agricolo.

Ma la scelta di fumare cannabis è molto più di un semplice diritto di passaggio. Si dice spesso che questo metodo d’uso fornisca l’esperienza più potente e non solo.

  1. Massima Biodisponibilità – Biodisponibilità è una parola d’ordine che si riferisce semplicemente alla quantità di cannabinoidi disponibili per l’uso da parte dell’organismo. Secondo le ricerche, fumare la cannabis offre il massimo livello di biodisponibilità.

Ad esempio, se si assumono 100 mg di CBD in un pre-roll, il fumo porterà circa il 60% di questo contenuto nel corpo. Ciò significa che sentirete effetti più profondi, poiché il vostro corpo assorbe una quantità maggiore di sostanze chimiche della pianta.

Sorprendentemente, la ricerca mostra che la biodisponibilità orale del CBD e di altri cannabinoidi è solo del 6%. Questa drastica differenza è dovuta al fatto che i cannabinoidi devono essere scomposti prima di poter essere assorbiti attraverso l’intestino. Quindi ciò che rimane è solo una frazione della dose originale.

  1. Conveniente – È sempre divertente giocare con nuovi modi per ottenere la propria dose di CBD. Ma dopo un po’, probabilmente rinuncerete a tè e ricette complicate perché richiedono tempo per essere preparate.

Fumare canapa ha senso perché è così semplice e accessibile. I pre-roll sono venduti quasi ovunque. I venditori hanno sempre fiori di cannabis in stock e si può semplicemente prendere una pipa per un uso quotidiano facile e senza sforzo.

  1. Conveniente e accessibile – Ammettiamolo. Mantenere l’abitudine alla cannabis può essere costoso. Ciò diventa doppiamente vero quando si ricorre sempre a tinture e infusi. Ricordate che l’assunzione di prodotti a base di cannabis per via orale ne riduce notevolmente la potenza.

    C’è un pericolo nel fumare cannabis?

    Dopo tutto, si tratta pur sempre di fumo. Non è un segreto che i polmoni siano sensibili agli agenti inquinanti estranei. Sebbene i cannabinoidi siano ben assorbiti, i sottoprodotti del fumo possono rappresentare un rischio per la salute dei polmoni a lungo termine.

    Tuttavia, bisogna riconoscere che gli studi hanno confermato che il fumo di cannabis non ha lo stesso effetto sui polmoni del fumo di tabacco. A differenza del tabacco, strettamente legato a tutti i tipi di cancro, non ci sono prove che suggeriscano che il fumo di cannabis sia cancerogeno.

    Anche se la ricerca non è ancora conclusiva, sappiamo che il fumo di cannabis può causare una certa irritazione delle vie aeree e un’elevata resistenza delle stesse. Tuttavia, tutti gli studi non indicano che il fumo di cannabis provochi un’ostruzione del flusso d’aria o un’alterazione del trasporto dei gas.

    In termini più semplici, il fumo di cannabis può causare alcuni problemi di irritazione, ma non interferisce con il modo in cui il corpo respira o con il trasferimento dell’ossigeno dai polmoni al flusso sanguigno.

    Fumare cannabis è benefico?

    È interessante l’evoluzione della legge sulla cannabis nel corso degli anni. Ora tutti sanno che la cannabis in sé è legale. Ma poiché molti legislatori non sono consapevoli di cosa sia realmente la cannabis, alcuni Stati hanno introdotto strane restrizioni sui prodotti da fumo a base di cannabis.

    In Indiana, North Carolina, Louisiana e Kentucky esistono leggi che cercano di controllare la vendita, l’uso, il possesso, la produzione e l’acquisto di prodotti da fumo a base di cannabis. Questo dimostra quanto possano essere ignoranti alcuni legislatori”

    Ricordiamo che la cannabis non può causare intossicazione. Con solo lo 0,3% di THC, la cannabis non può produrre gli stessi effetti di alterazione della mente della marijuana. Quindi, nonostante le somiglianze nelle prestazioni, questi due prodotti producono risultati completamente diversi.

    Tuttavia, la legalità del fumo di cannabis dipende ancora dal luogo in cui ci si trova. Vale la pena di controllare le leggi e i regolamenti locali per scoprire se fumare cannabis può mettervi nei guai.

    Per essere sicuri, è sempre meglio tenere per sé l’abitudine di fumare cannabis. Evitare i luoghi pubblici mentre si fumano i fiori di cannabis può scoraggiare attenzioni indesiderate.

    Ricordate che la canapa e la marijuana sono dolorosamente simili. Quindi, anche se fumate la cannabis in uno Stato con leggi meno rigide, le autorità potrebbero farvi qualche domanda se pensano che i vostri pre-roll contengano marijuana.

    Accendimi

    Fumare cannabis offre sicuramente una serie di benefici che pochi altri metodi, oltre a noi, possono fornire. Ma anche in questo caso, non è privo di svantaggi. Da un punto di vista legale, fumare cannabis può essere difficile per i consumatori, soprattutto negli Stati con normative che cercano di penalizzare i prodotti da fumo.

    Tuttavia, se volete gli effetti più forti senza spendere una fortuna, la cannabis pre-rollata può fare al caso vostro.<1

    YouTube video: La canapa è un’arma a doppio taglio?


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust