Il fiore di canapa cbd: si può volare con esso?

Blog

Sebbene la canapa sia stata dichiarata una sostanza legale dal Farm Bill del 2018, c’è ancora molta burocrazia che la circonda come prodotto agricolo. Perché? Non tutti comprendono appieno cosa sia e come si differenzi dalla marijuana.

In generale, si dovrebbe poter girare per il Paese con le tasche piene di canapa e non preoccuparsene. Ma a causa delle aree grigie della legge sulla canapa, le persone si chiedono ancora: si può volare con fiori di canapa CBD?

La TSA cerca i fiori di canapa?

È compito della TSA cercare minacce immediate alla sicurezza dei passeggeri e degli ospiti. Che ci crediate o no, le droghe non sono in cima alla loro lista. Infatti, ovunque nel mondo, l’autorità responsabile dell’individuazione delle sostanze vietate sarà la dogana di destinazione.

Ma non finisce qui. Anche se la TSA non cerca attivamente le droghe, è tenuta per legge ad avvisare la polizia quando incontra pacchetti sospetti.

Perché gli appassionati di cannabis dovrebbero preoccuparsi di far passare la cannabis in aeroporto, soprattutto quando la cannabis non è nemmeno una droga? Tutto sta nella stretta somiglianza della canapa con la marijuana.

Attualmente, anche con la nostra tecnologia avanzata, non esiste un modo immediato per distinguere la canapa dalla marijuana. A prima vista, le due piante sembrano uguali, quindi l’ispezione visiva produce risultati inconcludenti.

E si può inviare un campione a un laboratorio per le analisi, ma i risultati possono arrivare dopo giorni, settimane o addirittura mesi. Quindi, se l’agente della TSA ha motivo di credere che la vostra cannabis sia effettivamente marijuana, potreste essere nei guai.

Cosa succede se venite sorpresi con fiori di cannabis in aeroporto?

Diciamo che incontrate un agente della TSA che non ha molta familiarità con la cannabis e decide che la vostra scorta è marijuana. Cosa succede dopo? Naturalmente la prima opzione è quella di giustificarsi. Se spiegate cos’è realmente la vostra scorta e fornite le prove, potete uscire dalla situazione.

Tuttavia, se l’agente insiste che la scorta è sospetta, ha tutto il diritto di chiamare la polizia. Nel frattempo, possono esaminare la vostra cannabis e fare ulteriori domande per determinare cosa sia effettivamente la sostanza.

Hanno il diritto di sanzionarvi in quel momento? Dipende da dove vi trovate. Alcuni Stati e città hanno leggi severe che controllano la circolazione della cannabis. Quindi, se trasportate cannabis nella loro giurisdizione, possono multarvi o peggio.

Tuttavia, se vi trovate in un’area in cui le leggi sulla cannabis sono piuttosto permissive, la cosa peggiore che potete aspettarvi è che confischino la vostra scorta e possibilmente vi trattengano fino a quando non riescono a bloccare il vostro volo.

I cani da rilevamento umani sanno distinguere tra canapa e marijuana?

Sfortunatamente, no. Ricordate che la canapa e la marijuana provengono esattamente dalla stessa pianta e hanno la stessa componente chimica, con l’unica differenza del livello di THC. Pertanto, possono essere particolarmente indistinguibili a livello olfattivo.

Questo significa che un cane da guardia può avvisare il suo conduttore della vostra scorta, ma solo se è addestrato a sentire l’odore della cannabis. Tenete presente che la maggior parte degli strumenti di sicurezza aeroportuale esistenti, dagli scanner ai cani, sono utilizzati per individuare minacce immediate come bombe e armi.

Nella maggior parte dei casi, i cani della sicurezza aeroportuale non sono addestrati a fiutare droghe e altre sostanze. Solo quando la sicurezza aeroportuale ha motivo di credere che un passeggero stia trasportando tali sostanze, contatta la polizia, che dispone di cani antidroga.

Si può volare con i fiori di canapa?

Se ci basiamo esclusivamente sul Farm Bill del 2018, si dovrebbe poter volare con i fiori di canapa. Ma non è l’unico aspetto del gioco. Tenete presente che la canapa è legale a livello federale. Tuttavia, molti Stati, città e contee hanno emanato leggi proprie sull’uso e il possesso di canapa.

Se le leggi sulla canapa sono state allentate sia nel punto di origine che in quello di destinazione, dovreste poter volare con la canapa a livello nazionale. Pertanto, è importante leggere prima le linee guida locali per vedere se la vostra scorta vi metterà nei guai con la dogana.

Per chi vola in altri Paesi, le leggi sulla canapa e sulla marijuana variano in modo significativo. In realtà, alcuni Stati hanno regolamenti locali proprio come negli Stati Uniti, quindi le leggi possono variare da città a città. Assicuratevi di familiarizzare con loro prima di decidere se la vostra scorta di canapa può trovare posto nel vostro bagaglio.

Consigli per il volo dei fiori di canapa

Se non potete lasciare la vostra scorta di canapa a casa e avete bisogno della vostra dose giornaliera di CBD durante i vostri viaggi, ecco alcuni consigli che potete usare per mantenere la vostra scorta viva e vegeta.

Non dimenticate i Certificati di Analisi

Ogni rivenditore di canapa che si rispetti rilascia Certificati di Analisi o CoA con tutti i prodotti di canapa e cannabis. Questi certificati mostrano i risultati dei test di laboratorio relativi alla composizione chimica e al contenuto, dimostrando che il prodotto è effettivamente cannabis legale.

Nel caso in cui vi imbattiate in un agente della TSA particolarmente zelante, mostrare un CoA vi aiuterà a schiarire un po’ le idee. Inoltre, non è una cattiva idea portare con sé la confezione originale, le ricevute e altri documenti di supporto per dimostrare cosa sia realmente la vostra scorta.

Rinuncia ai fiori

Ammettiamolo: i fiori hanno un aspetto terribile. Un pacchetto di fiori di canapa può sicuramente far alzare le sopracciglia all’aeroporto. Pertanto, per evitare tutte quelle occhiatacce e le attenzioni indesiderate della TSA, è una buona idea non optare per il fiore.

Prodotti come le gommine al CBD, i cioccolatini e persino le capsule si rivelano un po’ più discreti rispetto all’opzione del fiore. Per quanto riguarda le capsule e le compresse, alcuni viaggiatori abituali le mettono in bottiglie di integratori per camuffarle da prodotti completamente diversi.

Compra dove vai

Hai controllato le leggi locali della tua destinazione e la canapa sembra avere il via libera. Se potete evitare di portare la cannabis in aeroporto, evitatelo assolutamente

Se volate verso un luogo con leggi rilassate e favorevoli alla cannabis, potete fare scorta a casa e comprare i fiori di cannabis di cui avete bisogno quando atterrate. Questo, ovviamente, a meno che non abbiate preferenze precise in fatto di varietà e marche.

Mantenere la calma

In caso di incontro con la TSA e la polizia, non perdete la calma. Mostrate i vostri documenti, offritevi di sottoporvi al test antidroga e trattate con loro in modo educato e professionale. Una persona litigiosa, nervosa e instabile probabilmente vi metterà più nei guai del fiore di cannabis stesso.

E se dopo tutti i vostri sforzi bonari e decenti decidono ancora di prendere la vostra scorta, consegnategliela gentilmente e andate per la vostra strada.

Buon viaggio!

La vostra varietà di fiori di cannabis preferita non avrà sempre un posto con voi o nel vostro bagaglio da stiva, ma questo dipende da quanto bene studiate le regole e le normative della vostra zona e della vostra destinazione.

Ricordatevi di queste informazioni la prossima volta che state per volare, e proteggete la vostra scorta di cannabis dagli occhi indiscreti degli agenti della TSA e dei funzionari che non sono così consapevoli delle leggi sulla cannabis.

YouTube video: Il fiore di canapa CBD: Si può volare con esso?


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust