Il cbd è un nootropo? ecco come il cbd agisce sul cervello

Imparare

“Tutti vogliono un pezzo di me” è il pensiero fantastico che viene dal CBD quando si parla di nootropi. Non è esagerato dire che il CBD è molto di moda in questo momento. Ma rimangono molte incertezze sull’efficacia del cannabidiolo di origine vegetale sul sistema endocannabidoide umano rendendo un prodotto efficace un prodotto ancora migliore. Tra tutta questa disinformazione c’è l’idea che l’olio di CBD sia anche un agente nootropico. Aspettate un attimo: cos’è il CBD e cos’è un nootropo? Cos’è il CBD?”

La Cannabis sativa è la fonte dell’olio di canapa, dell’olio di semi di canapa e dell’olio di canapa.

L’olio di semi di canapa viene estratto dalle foglie, dai gambi e dai fiori della pianta di canapa e contiene grandi quantità di cannabidiolo (CBD), mentre contiene pochissimo THC o tetraidrocannabinolo, il fitocannabidoide responsabile dell’intossicazione. Con il Farm Bill del 2018, l’olio di canapa contenente lo 0,3% o meno di THC (peso secco) è diventato legale in tutti i 50 Stati. Il CBD e il THC sono due dei 113 cannabinoidi naturalmente presenti nella pianta di canapa.

Invece, l’olio di canapa viene estratto dai semi della cannabis sativa e non contiene né CBD né THC . L’olio di semi di canapa è ottimo per la pelle e per la cucina.

L’olio di canapa, prodotto separando le resine dai fiori di canapa, contiene più THC che CBD e in quantità che potrebbero essere illegali nel vostro stato.

Nella maggior parte dei casi, quando si parla di olio di CBD, si parla di olio di canapa mescolato con olio di canapa, che sono cannabidoidi estratti dalla pianta di cannabis. Il CBD a spettro completo contiene tracce di THC (0,3%), mentre il CBD isolato è puro cannabidiolo isolato estratto dal materiale vegetale. Il CBD a spettro completo è preferito da coloro che vogliono includere tutti i cannabinoidi e i terpeni sinergici della cannabis, ma devono essere consapevoli che potrebbero risultare in un test antidroga. Il costo per milligrammo di CBD isolato è inferiore.

Perché il CBD è una buona cosa

Come risulta, gli esseri umani e la maggior parte degli esseri viventi che respirano hanno un sistema endocannabinoide (ECS). Sì, proprio così. I ricercatori William Devon e Lumir Hanus hanno scoperto questo sistema vitale nel 1992, durante le ricerche sui cannabinoidi di origine vegetale. All’interno della ECS sono presenti due recettori dei cannabinoidi o neurotrasmettitori, CB1 e CB2, che vengono attivati dai cannabinoidi prodotti o ingeriti.

I recettori CB1 si trovano principalmente nel cervello e nel sistema nervoso centrale. Il controverso cugino del CBD, il THC, si rivolge solo ai recettori CB1 e offre al cervello una leggendaria cavalcata psicoattiva.

Il CB2 è presente nel sistema immunitario e nel tratto gastrointestinale. È qui che si verifica l’euforia naturale.

Il corpo produce anche due cannabinoidi “endo”, l’anandamide e il 2-arachidonoilglicerolo (2-AG).

Anandamide

Sebbene l’anandamide non rimanga a lungo e venga facilmente scomposta, il sistema nervoso centrale produce continuamente questi composti per mantenere l’omeostasi su richiesta. Conosciuta come la molecola della “felicità”, l’anandamide si lega ai recettori CB1 e CB2, proprio come i fitocannabinoidi quando vengono assunti. Questa connessione influisce sull’appetito, sulla sensazione di dolore, sull’umore, sulla memoria, sulla capacità di apprendimento e persino sulla fertilità. Il vostro corpo lo fa già senza essere influenzato dalla cannabis o dal CBD.

2-Arachidonoilglicerolo (2-AG)

Questo endocannabinoide attiva principalmente il sistema immunitario legandosi al recettore CB2 e invia le cellule immunitarie alle aree che necessitano di trattamento.

Il sistema endocannabinoide è una scoperta importante perché regola quasi tutte le funzioni corporee più importanti, tra cui

  • Sistemi cardiovascolare e circolatorio
  • Infiammazione e risposte del sistema immunitario
  • Percezione e gestione del dolore
  • Neuroprotezione e funzione muscolare
  • Processi riproduttivi
  • Processi digestivi
  • Apprendimento e memoria
  • Metabolismo e termoregolazione
  • Gestione dell’umore e delle risposte emotive

Se il vostro corpo fa tutto questo naturalmente, allora che bisogno c’è di CBD? In poche parole, la vita a volte può essere davvero difficile. È possibile che si consumino alimenti che causano infiammazione. Il vostro capo o l’insegnante di vostro figlio potrebbero assillarvi ulteriormente. A scuola si lavora tutta la notte. Magari vi state allenando per una maratona e i vostri muscoli stanno urlando. Il sistema nervoso fa molto affidamento sul sistema endocannabinoide per bilanciare il tutto, ma è incredibilmente difficile per l’ECS tenere il passo. Grazie al

2018 Farm Bill , abbiamo un olio a base vegetale che contiene cannabinoidi proprio come l’anandamide e il 2-AG. Ma cosa fa quest’olio? Aiuta ad aumentare i propri endocannabinoidi, a rifornire gli scaffali del sistema nervoso molto impoverito e a liberarsi di ciò che letteralmente ci mangia (gli acidi grassi).

Quando il CBD entra in gioco, nel cervello si verificano anche altri importanti eventi fisiologici che è utile conoscere man mano che si approfondisce la conoscenza. Ma per il momento, la cosa importante da capire è che aggiungere l’olio di CBD al proprio stile di vita è come mettere qualcosa in più nella propria borsa da viaggio, per ogni evenienza.

Poiché le vendite di CBD continuano a crescere a un ritmo sorprendente, aumenta anche la scelta dei prodotti e ci si può sentire come Riccioli d’Oro nel cercare di scegliere il migliore per sé. Il CBD può essere in diverse gradazioni, con o senza THC. L’olio di canapa con THC può essere utile per le persone affette da epilessia, sclerosi multipla, cancro, dolore cronico e persino disturbo da stress post-traumatico. Ma per la persona media che vuole cambiare un po’ corsia, è possibile sfruttare le proprietà curative e di sostegno del CBD con poco o nessun THC e rimanere sul lato più piacevole del sistema legale. Per quanto riguarda l’investimento, il corpo è in grado di elaborare solo il 35% circa del CBD assunto. Alcuni suggeriscono che le tinture a più alta concentrazione siano metodi di somministrazione migliori e che quindi offrano un maggior rapporto qualità-prezzo. I metodi di somministrazione diversi dal fumo raggiungono il picco dopo circa 90 minuti.

I cannabinoidi esogeni contenuti nel CBD a spettro completo e negli isolati di CBD dalla pianta di cannabis forniscono tutti i benefici della pianta di cannabis senza il rischio di effetti intossicanti. Questo perché la marijuana contiene grandi quantità di tetraidrocannabinolo (THC), il cannabinoide responsabile dei noti effetti della marijuana. Il CBD ricavato dalla canapa non contiene questa sostanza. Con il CBD da canapa, si possono ottenere tutti i potenziali benefici del supporto del sistema endocannabinoide con gli estratti di canapa, senza il rischio di intossicazione o di alterazioni.

Il CBD è un nootropo?

I nootropi sono “farmaci intelligenti”, integratori e altre sostanze che migliorano le funzioni cognitive, tra cui l’umore, la concentrazione, la memoria, la motivazione, la creatività e la capacità di attenzione. La parola “nootropo” deriva dalle radici greche “noos” che significa mente e “tropein” che significa fare.

Il CBD influisce sul cervello in questo modo? È più corretto pensare che il CBD riduca gli effetti negativi come ansia e depressione e faccia lavorare il cervello in modo più efficiente. Il CBD non “potenzia” le capacità cerebrali oltre il potenziale innato, come possono fare altri nootropi. Tuttavia, il CBD è una buona piattaforma per trasportare o “impilare” i nootropi perché è sicuro, non tossico e non dà dipendenza. Uno “stack” nootropico significa combinare integratori che lavorano insieme per massimizzare i benefici desiderati .

Quali sono i nootropi da prendere in considerazione? Questo dipende da ciò che si vuole ottenere. Sperate di aumentare la vostra produttività o cercate qualcosa per rilassare la mente e aiutarvi a dormire? Esamineremo due tipi di nootropi: quelli prodotti in laboratorio e quelli prodotti dalla natura.

Nootropi prodotti in laboratorio

I rasetam sono i più noti nootropi prodotti in laboratorio. All’interno di questo gruppo, il piracetam è uno dei nootropi più popolari e utilizzati sul mercato. Utilizzato in Europa per migliorare la memoria e le funzioni cerebrali, il piracetam aiuta le cellule del cervello a funzionare meglio, migliorando il flusso di ossigeno e di sangue e riducendo la rigidità delle membrane delle cellule cerebrali. Tutti questi risultati possono aiutare la concentrazione, la memoria e l’umore. Un effetto collaterale notevole e paradossale del piracetam è che si può manifestare un mal di testa piuttosto forte se non lo si assume insieme alla colina.

Nootropi a base naturale

È stato dimostrato che i nootropi a base di erbe e piante migliorano la cognizione, riducono lo stress, combattono l’affaticamento, migliorano la memoria e forniscono una protezione generale del cervello. I nootropi naturali più noti sono elencati di seguito insieme ai loro benefici.

Potenziamento energetico e cognitivo

Fungo della criniera del leone: È un fungo medicinale tradizionalmente utilizzato per migliorare le funzioni cognitive, prevenire il declino cognitivo e ridurre l’ansia.

Ashwagandha: erba adattogena della famiglia della belladonna, usata per ridurre lo stress e l’ansia e per migliorare la memoria.

Ginseng: Il Panax ginseng è una radice utilizzata per ridurre la stanchezza, aumentare le capacità cognitive, migliorare l’umore e potenziare la funzione immunitaria.

Rhodiola rosea: conosciuta anche come radice d’oro, questa erba è una pianta fiorita utilizzata per ridurre l’affaticamento mentale, migliorare le prestazioni e combattere stress, ansia, rabbia e depressione.

Ginkgo biloba: Le foglie dell’albero di ginkgo biloba, originario della Cina, sono utilizzate per migliorare la memoria e l’attenzione.

Cordyceps: È un fungo medicinale utilizzato per migliorare le prestazioni fisiche, ridurre la fatica e prevenire le malattie.

Eleuthero: conosciuta anche come ginseng siberiano, questa pianta è un’erba adattogena di origine asiatica utilizzata per combattere lo stress, aumentare l’energia, prevenire la depressione e l’ansia. Questa erba riduce lo stress rilassando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno.

Guduchi: Tinosporo cordifolia, chiamato anche guduchi o seme della luna del cuore, è una vite originaria del sud-est asiatico ed è usata come adattogeno per migliorare le capacità cognitive e prevenire le malattie.

Pisello farfalla: La Clitoria ternatea, una pianta fiorita originaria della Thailandia e della Malesia, è usata come stimolante della memoria per ridurre lo stress, l’ansia e la depressione.

Bacche di Schisandra: Il frutto della pianta Schisandra chinensis, originaria della Cina, è usato per migliorare la memoria e l’apprendimento e per ridurre l’ansia.

Luobuma: L’Apocinum venetum, comunemente noto come luobuma, è un arbusto asiatico. Dalle sue foglie si ricava un tè per ridurre ansia, stress, depressione e pressione sanguigna.

Bacopa monieri: Utilizzato nella medicina ayurvedica, migliora la conservazione della memoria, l’apprendimento spaziale, la capacità di percepire nuove informazioni sull’ambiente e riduce lo stress. Può prolungare le cellule nervose, che sono anche coinvolte nell’apprendimento, nella memoria e nel mantenimento delle funzioni cognitive.

Riduce ansia e depressione

Ashwagandha : Aumenta la resistenza allo stress e riduce l’ansia.

L-Teanina: ha forti effetti ansiolitici, antidepressivi e antistress, che possono anche migliorare la salute delle cellule cerebrali. Si trova nel tè verde.

Eleuthero: Può ridurre lo stress rilassando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno.

Luobum: Agisce come un sedativo che può combattere l’ipertensione, l’ansia e la depressione.

Migliora il sonno

Ashwagandha: Aiuta ad addormentarsi e a mantenere il sonno.

GABA: è noto come sedativo del cervello ed è prodotto naturalmente dall’organismo. Il GABA può contribuire a rilassare e ad alleviare la tensione nervosa impedendo la sovrastimolazione del cervello.

Magnesio glicinato: Può aumentare la durata e l’efficienza del sonno.

Radice di valeriana: Può aumentare la durata e l’efficienza del sonno

Nootropi dalla natura e dai laboratori

Alcuni composti iniziano a svilupparsi in natura ma poi diventano disponibili solo attraverso i laboratori. I ricercatori che cercano di capire il declino cognitivo stanno scoprendo nuove informazioni sul cervello che possono aiutare le persone a rimanere sulla strada della buona salute. Ecco alcuni dei più comuni:

Caffeina: Il composto che conferisce al caffè il suo potere magico. Invece di potenziare le prestazioni cerebrali, aumenterà la vigilanza fisica. Ideale per l’apprendimento passivo e la concentrazione a breve termine.

Huperzine- A : L’Huperzine-A è una sostanza chimica derivata dalle piante di muschio cinese o di abete. Può essere prodotto anche in condizioni di laboratorio. I cinesi ritengono che acceleri l’apprendimento perché aumenta il neurotrasmettitore dell’apprendimento, l’acetilcolina.

Alfa GPC: un composto ricco di colina derivato dalla lecitina d’uovo o di soia. L’alfa-GPC sembra aumentare la quantità di una sostanza chimica chiamata acetilcolina nel cervello. Questa sostanza chimica del cervello è importante per le funzioni di memoria e apprendimento. In Europa viene utilizzato nei pazienti affetti da demenza e malattia di Alzheimer.

L-Tirosina: un aminoacido non essenziale che può prolungare l’effetto dei meccanismi antistress dell’organismo. È stato riscontrato che migliora la memoria sotto stress.

L-Teanina: un aminoacido presente nelle foglie di tè verde e nero. Viene utilizzata per ridurre l’ansia e lo stress e per aumentare la concentrazione, soprattutto in combinazione con la caffeina.

GABA: un neurotrasmettitore sedativo creato dalla fermentazione degli alimenti in laboratorio. Viene inoltre prodotto naturalmente dall’organismo come aminoacido non proteico per contrastare e gestire lo stress.

Fosfatidilserina: Sostanza grassa prodotta da voi che riveste e protegge ogni cellula ed è essenziale per il funzionamento delle cellule nervose del cervello e per la sopravvivenza della memoria. La fosfatidilserina è naturalmente presente in alcuni alimenti e viene venduta anche come integratore alimentare. Si ritiene che protegga la memoria, favorisca un sonno sano, migliori l’umore e le prestazioni durante l’esercizio fisico.

Come scegliere i nootropi

Stabilite i vostri obiettivi e cercate di raggiungerne uno alla volta

Qualunque sia l’obiettivo che volete raggiungere – che si tratti di gestire il dolore e l’infiammazione, di dormire meglio o di migliorare la concentrazione e le funzioni cognitive – non può essere raggiunto contemporaneamente. Iniziare con poco e poi crescere

Determinare quanto si vuole spendere

Gli stack di CBD e nootropi possono essere sviluppati combinando insieme i propri integratori o acquistandoli come formula singola. Nota: le miscele preconfezionate sono solitamente più costose e non danno la possibilità di sperimentare diversi dosaggi.

Fate le vostre ricerche

Questo è forse il punto più importante. Ciò che può funzionare per qualcun altro può essere disastroso per voi. Un prodotto può aumentare il disagio o non fare nulla. È anche meglio collaborare con un medico olistico per assicurarsi di iniziare con il giusto dosaggio e di assumere qualcosa nel momento giusto della giornata. Ad esempio, le surrenali tendono a diminuire nel pomeriggio, quindi l’assunzione di ashwagandha alle 13:00 dà la spinta necessaria. Non è consigliabile assumere l’adrenalina poco prima di andare a letto. Assicuratevi che il prodotto abbia una garanzia di rimborso. Se il produttore non sostiene il suo prodotto con il denaro, perché dovreste farlo voi?”

Ci sono cinque qualità che definiscono una sostanza come nootropo. Dovrebbe essere:

  • Migliora la memoria e la capacità di apprendimento
  • Aiuta il cervello a funzionare in condizioni distruttive
  • Protegge il cervello da attacchi chimici e fisici
  • Aumenta l’efficacia dei meccanismi di controllo del fuoco dei neuroni
  • Presenta pochi o nessun effetto collaterale ed è virtualmente non tossico

Gestite le vostre aspettative

Siamo così ansiosi di una pillola che salvi la situazione che siamo sicuri che ci sia qualcosa per noi. Lo vogliamo e lo vogliamo subito, e se un po’ va bene, di più deve essere meglio, giusto? No, di più non è assolutamente meglio. Più, più, più, più, più è il modo per rimanere bloccati in primo luogo. Iniziate lentamente, scoprite dove e perché siete carenti e siate pazienti.

Andando avanti

Il CBD è senza dubbio un’eccellente aggiunta ai vostri prodotti per il benessere. Il suo collegamento con il sistema endocannabinoide significa che può solo migliorare quello che già avete. I nootropi forniti con l’olio di CBD possono anche darvi il vantaggio mentale e la chiarezza che cercate. Tuttavia, è molto importante ricordare che non esiste una “taglia unica” e che la ricerca su tutti questi prodotti è ancora in corso. Con il tempo, emergeranno le risposte.

Prodotti che vi consigliamo di provare

Un marchio che sfrutta il potere sinergico del CBD e dei nootropi è FOCL. In particolare, le capsule esclusive per il giorno e per la notte del marchio sono ricche di nootropi specifici e di erbe adattogene che forniscono una spinta mentale al mattino e un sonno riposante la notte.

YouTube video: Il CBD è un nootropo? Ecco come il CBD agisce sul cervello


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust