Ecco perché e come funziona il cbd per la salute della vagina

Imparare

Secchezza vaginale, infezioni da lievito, equilibrio del pH, sindrome premestruale: si potrebbe dire che le vagine sono complesse e sfidanti . Inoltre, sono direttamente influenzati dai livelli di ormoni femminili che cambiano nel corso del mese, per cui le esigenze della nostra vagina sono in continua evoluzione. Esistono molti prodotti che sostengono di tenere sotto controllo la salute della vagina, ma molti di essi possono in realtà fare più male che bene. Molti di essi, infatti, uccidono il microbioma vaginale, lasciando un rischio maggiore di infestazioni batteriche, malattie veneree e cancro ginecologico.

Fortunatamente, il CBD offre una nuova opzione, o meglio riporta in vita uno strumento antico per la salute generale della vagina e della riproduzione. Esatto, l’uso del CBD per la salute della vagina è una pratica che risale a più di 4.000 anni fa. Nelle civiltà antiche, le donne usavano la cannabis per trovare sollievo da tutti i tipi di sintomi, dai dolori della menopausa al parto difficile.

Numerosi marchi hanno compreso questo potenziale e ora è possibile ottenere prodotti a base di CBD specificamente progettati per le parti femminili, per aiutare a ringiovanire la vagina e mantenere tutto in equilibrio. Molti di questi prodotti a base di CBD apportano benefici alla salute sessuale, ma molti prodotti a base di CBD sostengono la salute della vagina anche al di fuori della camera da letto.

Il sistema endocannabinoide nella vagina

Per capire perché il CBD è chiamato il Santo Graal della salute vaginale, dobbiamo innanzitutto esaminare il modo in cui il CBD interagisce con il corpo – attraverso il sistema endocannabinoide. È stato dimostrato che la regione pelvica, sia negli uomini che nelle donne, presenta una concentrazione molto elevata di recettori endocannabinoidi. Si ipotizza infatti che nella regione pelvica vi siano più recettori endocannabinoidi che in qualsiasi altra parte del corpo, ad eccezione del cervello. Questi recettori ECS si trovano in realtà nei tessuti riproduttivi femminili e influenzano le fasi riproduttive, tra cui la secrezione degli ormoni ovarici, il trasporto degli ovuli, l’impianto e la formazione della placenta.

La vagina ha anche una propria membrana mucosa, attraverso la quale assorbe ed elabora ciò che applichiamo per via topica. Questo significa che il CBD può essere assorbito attraverso la vagina, ma dimostra anche l’importanza di fare molta attenzione nella scelta di prodotti sicuri per la salute vaginale. Poiché il CBD può interagire con il sistema endocannabinoide attraverso l’applicazione topica diretta, i prodotti topici a base di CBD aprono un nuovo mondo di benefici per la salute della vagina.

CBD per la salute della vagina

Sebbene le ricerche specifiche per la vagina siano scarse, il CBD offre potenzialmente alcuni benefici multifunzionali per la nostra vagina. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare a combattere batteri, lieviti e funghi comuni. Uno studio ha esaminato il CBD in combinazione con altri quattro cannabinoidi non psicoattivi e ne ha esaminato il successo quando è stato usato come agente antibatterico, compreso l’insidioso MRSA.

Gli stessi cannabinoidi sono stati descritti come “moderati agenti antifungini”. Le ricerche suggeriscono addirittura che aiutano a potenziare le capacità dell’ossido di cariofillene (un terpene naturale della cannabis), noto per le sue proprietà antimicotiche. Un altro studio dimostra che il CBD topico ha la capacità di ridurre l’infiammazione che causa il dolore e il prurito che possono verificarsi durante le comuni infezioni vaginali.

CBD per il dolore pelvico

Il dolore pelvico è uno dei sintomi principali di molte malattie femminili, come l’endometriosi e le cisti ovariche, e può anche verificarsi come effetto collaterale di infezioni del tratto urinario, intolleranze alimentari, fibromi e altro. Il dolore pelvico non solo provoca un incredibile disagio nella vita quotidiana, ma può anche rovinare completamente la vita sessuale. Fortunatamente, sappiamo che la marijuana medica (compresa una combinazione di THC e CBD) ha dimostrato di ridurre il dolore pelvico.

Ma che dire del CBD? In teoria, il CBD da solo può aiutare ad alleviare il dolore pelvico in modo simile, ma non abbiamo ancora le prove cliniche per dimostrarlo. Tuttavia, sappiamo che il CBD è generalmente riconosciuto come una valida opzione per tutti i tipi di dolore, dalle patologie croniche ai dolori occasionali. Questo perché agisce sui recettori del dolore e blocca i segnali dolorosi che raggiungono il cervello. Molte donne hanno usato il CBD per il dolore pelvico sia per via topica che per via orale con grande successo.

CBD per la sindrome premestruale e le mestruazioni

Un altro modo in cui il CBD rende felice la nostra vagina avviene molto al di sotto della superficie. Molte donne hanno mestruazioni dolorose e sintomi della sindrome premestruale che durano settimane o più, rendendo difficile la loro vita quotidiana. Come può aiutare il CBD? Considerate che molte persone assumono farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per i crampi mestruali.

Il ciclo mestruale è il risultato di cambiamenti ormonali che aiutano il corpo a prepararsi per il bambino. Se la fecondazione non avviene, l’organismo inizia a normalizzare i livelli ormonali (ad esempio il progesterone). Quando il progesterone diminuisce, il corpo produce alcune sostanze chimiche chiamate prostaglandine. Queste sostanze chimiche sono la causa di molti dei fastidiosi sintomi associati al sanguinamento mestruale, tra cui infiammazione e dolore, costrizione dei vasi sanguigni e crampi uterini. Una quantità eccessiva di queste prostaglandine può portare a un’infiammazione eccessiva, che spesso è la causa di un sanguinamento eccessivo. Questo perché bloccano la produzione degli enzimi necessari alla produzione di prostaglandine. Sebbene questi farmaci da banco aiutino a gestire i crampi e le infiammazioni dolorose, hanno anche alcuni effetti collaterali indesiderati e mettono a dura prova l’apparato digerente.

In alternativa, il CBD ha dimostrato la capacità di inibire gli stessi enzimi, ma ha un effetto molto minore sugli enzimi necessari al corretto funzionamento dell’apparato digerente. Il CBD è anche un vasodilatatore, il che significa che apre i vasi sanguigni per migliorare il flusso sanguigno, il che può contribuire a ridurre i crampi e il disagio.

CBD per la stimolazione sessuale

Poiché il CBD è un vasodilatatore, può aiutare la vagina a svolgere tutte le normali funzioni necessarie per prepararsi al sesso. In altre parole, assiste l’organismo nella “corsa al sangue” che aiuta la vagina a rilassarsi e ad aprirsi in vista del rapporto sessuale. Questo aumento del flusso sanguigno potrebbe essere il motivo per cui molte persone riferiscono di aver provato maggiori sensazioni quando hanno usato lubrificanti contenenti CBD.

Gli studi hanno anche dimostrato che concentrazioni più elevate di cannabinoidi possono essere associate a una maggiore eccitazione femminile. Questo, insieme alla sua capacità di aiutare a ridurre il dolore e il disagio che possono ridurre il piacere sessuale, è il motivo per cui molte persone stanno facendo spazio al CBD nel loro comodino.

Prodotti CBD per la vostra V

Proprio come ogni vagina è diversa dall’altra, anche il modo specifico in cui il CBD può beneficiare della vostra salute vaginale è unico. Fortunatamente, i prodotti per la cura delle donne a base di CBD sono abbastanza accessibili.

Marchi come Foria Wellness e Quim mettono la salute vaginale e sessuale in primo piano nella loro missione del CBD. Foria offre prodotti al CBD sofisticati ma delicati per tutti i tipi di problemi vaginali, tra cui l’olio Awaken CBD Arousal Oil, progettato per promuovere l’eccitazione sessuale e aumentare il piacere. Esistono anche diverse opzioni di supposte di CBD, apprezzate per la loro capacità di aiutare il dolore pelvico, la secchezza e altro ancora.

Quim offre anche diversi prodotti CBD unici per la vagina, tra cui la formula Happy Clam, che il marchio descrive come una “crema per gli occhi per la vagina”. Questo prodotto facilita la cura quotidiana della vagina e potenzialmente offre benefici come il bilanciamento del pH, l’alleviamento del disagio e, in generale, il mantenimento della vagina felice e sana.

Con l’aumentare dell’interesse e delle prove aneddotiche, si prevede un aumento della ricerca sul sistema endocannabinoide della vagina e su come il CBD influisca su aspetti quali la salute vaginale, riproduttiva e sessuale. Ciò significa che possiamo aspettarci la comparsa di un numero sempre maggiore di prodotti a base di CBD per la salute delle donne. Per ora, scegliere un prodotto significa solo provarlo per vedere come funziona per voi. Ogni vagina è diversa, ma il CBD è un’opzione delicata, a basso rischio e conveniente che può rivoluzionare la vostra routine di cura femminile.

YouTube video: Ecco perché e come funziona il CBD per la salute della vagina


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust