Cosa sono i cannabinoidi? cbd, cbg, cbn e altro ancora

Imparare

Il sistema endocannabinoide, ovvero il sistema del corpo a cui i composti della cannabis possono legarsi per produrre effetti specifici, è stato scoperto nel 1992 e ci ha aperto gli occhi su come la cannabis possa fornire così tanti potenziali benefici. Naturalmente, i ricercatori moderni hanno iniziato solo di recente a rendersi conto del vero potenziale della cannabis e dei cannabinoidi da essa derivati, che vanno ben oltre il sempre più popolare cannabinoide psicoattivo THC e il CBD, non psicoattivo e terapeutico.

Si stima che ci siano più di 100 cannabinoidi nella cannabis, ma la maggior parte di essi è presente solo in tracce. Molti di questi cannabinoidi sono stati isolati e hanno effetti unici, il che significa che potete personalizzare la vostra esperienza terapeutica comprendendo la differenza tra questi cannabinoidi e acquistando i prodotti specifici per i cannabinoidi più adatti alle vostre esigenze.

Non sapete da dove cominciare? Questa guida ai cannabinoidi contiene tutto ciò che c’è da sapere sui cannabinoidi maggiori e minori, sui loro effetti e su dove acquistarli. Cominciamo con le nozioni di base:

Indicazioni di base

  • I cannabinoidi sono composti attivi che imitano i neurotrasmettitori naturali per produrre effetti specifici nell’organismo.
  • Ci sono più di 100 cannabinoidi nella pianta di cannabis, comprese le piante legali di Cannabis Sativa (canapa).
  • Ogni cannabinoide ha effetti unici e potenziali benefici medici.
  • Alcuni cannabinoidi derivati dalla cannabis, come il Delta-8 e il Delta-10-THC, sono psicoattivi.
  • Alcuni prodotti combinano alcuni singoli cannabinoidi per offrire benefici mirati.

Cosa sono i cannabinoidi?

Il termine “cannabinoidi” si riferisce generalmente ai composti naturalmente attivi presenti nella pianta di cannabis che sono generalmente considerati responsabili di qualsiasi effetto terapeutico o ricreativo. Per essere più precisi, i cannabinoidi presenti in natura nel materiale vegetale sono chiamati fitocannabinoidi. Tuttavia, alcuni endocannabinoidi o cannabinoidi sono prodotti naturalmente dall’organismo.

Gli endocannabinoidi sono un tipo di neurotrasmettitore che svolge importanti processi nell’organismo funzionando come parte del sistema endocannabinoide del corpo. Poiché i fitocannabinoidi e gli endocannabinoidi hanno strutture quasi identiche, anche i cannabinoidi di origine vegetale possono interagire con l’organismo per produrre determinati effetti.

In breve, i cannabinoidi interagiscono tipicamente con i recettori CB1 e CB2 per contribuire a mantenere l’omeostasi. Ecco la differenza tra loro:

recettori CB1

I recettori CB1 sono gli unici recettori endocannabinoidi che possono provocare psicoattività quando sono legati a un cannabinoide psicoattivo. I recettori CB1 si trovano principalmente nel cervello e nel sistema nervoso centrale. L’attivazione dei CB1 è stata associata a funzioni quali l’appetito, il metabolismo, il sonno, la memoria, la cognizione, l’immunità, l’umore, ecc.

Recettori CB2

I recettori CB2 si trovano principalmente nelle cellule del sistema immunitario e svolgono alcune delle stesse funzioni dei recettori CB1. Tuttavia, il CB2 potrebbe avere un ruolo maggiore nella regolazione di varie funzioni del sistema immunitario, come l’appetito, il dolore e l’infiammazione.

Cannabinoidi nella pianta di cannabis

I ricercatori hanno identificato più di 100 diversi cannabinoidi presenti naturalmente nella pianta di cannabis. I cannabinoidi sono presenti in tutte le varietà di cannabis, comprese quelle ad alto contenuto di THC e quelle a basso contenuto di THC.

I cannabinoidi possono essere ampiamente suddivisi in cannabinoidi maggiori e cannabinoidi minori. Queste categorie si basano sulle concentrazioni in cui alcuni cannabinoidi sono naturalmente presenti nel materiale di cannabis.

Il THC e il CBD sono considerati cannabinoidi principali in quanto si trovano in concentrazioni tra il 10 e il 20% in molte varietà di cannabis. I cannabinoidi secondari includono CBG, CBC, CBN e altri. I cannabinoidi secondari sono più difficili da trovare, a volte sono presenti in concentrazioni pari o inferiori al 5%.

Per qualche tempo questi cannabinoidi sono stati trascurati. Tuttavia, la ricerca moderna suggerisce che questi cannabinoidi minori possono avere i loro benefici terapeutici e possono svolgere un ruolo critico nell’impatto ambientale dei prodotti cannabinoidi a spettro completo. In questo caso, i cannabinoidi hanno effetti sinergici che potenziano i benefici reciproci.

Tipi di cannabinoidi e loro potenziali benefici

Delta-9-THC (delta-9-tetraidrocannabinolo)

Il delta-9 è la forma più popolare di THC ed è il principale cannabinoide psicoattivo presente nei prodotti tradizionali a base di cannabis. È anche il cannabinoide più conosciuto e studiato e sta alla base di gran parte di ciò che sappiamo sui benefici della cannabis per la salute. Spesso si sente parlare di Delta-9 come “THC”.

Naturalmente, il Delta-9-THC è ancora fortemente limitato dalla legge federale, ma è legale in alcuni stati e disponibile per gli adulti.

Benefici del Delta-9-THC

Il Delta-9-THC viene spesso pubblicizzato per i suoi significativi benefici antidolorifici e antinfiammatori ed è approvato per uso medico in alcune aree per le seguenti condizioni:

  • Morbo di Alzheimer
  • HIV/AIDS
  • Cancro
  • Dolore cronico
  • Morbo di Crohn
  • Glaucoma
  • Epatite C
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Lupus <6
  • Emicrania
  • Sclerosi Multipla
  • Neuropatia
  • Osteoartrite
  • Morbo di Parkinson
  • Artrite Reumatoide
  • Crisi epilettiche
  • Colite Ulcerosa

Dove acquistare:

La Delta-9 è una sostanza controllata che può essere acquistata solo presso i punti vendita con licenza statale negli Stati in cui la cannabis è legale.

Delta-8-THC (delta-8-tetraidrocannabinolo)

Il delta-8-THC è un’altra forma di THC che si trova in concentrazioni minori. Ma i produttori di cannabis hanno trovato un modo alternativo per produrre il Delta-8 in quantità più significative usando il CBD derivato da materiale legale della pianta di cannabis.

In altre parole, il Delta-8-THC è una versione federalmente legale del THC che è solo leggermente psicoattiva. Potenzialmente ha effetti psicoattivi inferiori di circa 2/3 ed effetti terapeutici simili a quelli del THC tradizionale.

Il Delta-8 è spesso descritto come avente effetti rilassanti più rilevanti per le varietà di cannabis Indica. La sua struttura chimica è quasi identica a quella del THC tradizionale, ma i due composti differiscono per la disposizione dei doppi legami. Questa piccola differenza produce effetti molto diversi. Naturalmente, i prodotti contenenti Delta-8-THC possono essere realizzati in modo da replicare alcuni dei ceppi di cannabis più popolari, compresi i ceppi Sativa e Indica.

Proprietà benefiche del Delta-8-THC

La ricerca sul Delta-8-THC è limitata, ma si pensa che sia potenzialmente utile per affrontare gli stessi disturbi per i quali può essere usato il THC tradizionale. Ciò significa che il Delta-8 può essere utile per affrontare dolore, infiammazione, nausea, disturbi del sonno e altro ancora.

Ma poiché è meno potente, molti suggeriscono che è meno probabile che provochi alcuni degli effetti collaterali negativi associati al THC, come paranoia e ansia. Alcuni studi suggeriscono addirittura che sia una soluzione migliore del THC tradizionale, grazie ai suoi effetti psicoattivi più gestibili.

Per esempio, in uno studio che ha coinvolto pazienti oncologici in età pediatrica, il Delta-8-THC è risultato efficace al 100% nella gestione della nausea indotta dalla chemioterapia. Gli autori dello studio hanno affermato che in questo caso il Delta-8 è una soluzione migliore del Delta-9, perché può essere somministrato in dosi più elevate ed efficaci senza gli stessi effetti collaterali, anche nei bambini.

Potete trovare facilmente le gommine, i vapori, i fiori, gli oli e altro ancora del Delta-8 acquistando online. Poiché può essere ricavato dalla canapa industriale, è molto più conveniente rispetto ai prodotti tradizionali a base di THC. Tuttavia, occorre notare che il Delta-8-THC non è ancora legale in tutti gli Stati Uniti.

Dove si compra:

Molti marchi di CBD vendono prodotti contenenti Delta-8-THC. Alcuni marchi, come Cannabis Life, si concentrano esclusivamente su prodotti a base di Delta-8-THC. Vida Optima offre una varietà di prodotti Delta-8, come le caramelle dure Elev8 e i carrelli per il vaping Elev8.

Delta-10-THC (Delta-10-Tetraidrocannabinolo)

Come il Delta-8, il Delta-10-THC è un isomero della canapa che si dice sia meno potente dei prodotti THC tradizionali. Molti la descrivono come più energizzante ed edificante, mentre la Delta-8 è generalmente più rilassante.

Molti preferiscono la Delta-10 perché è estremamente leggera, il che la rende un buon punto di partenza per i nuovi consumatori di THC. Tenete presente che il Delta-10 è ancora nuovo sul mercato e non è così facilmente reperibile come il Delta-8. È anche più difficile da produrre, quindi molti prodotti contenenti Delta-10 contengono Delta-8-THC. Tuttavia, è possibile trovare la Delta-10 sotto forma di compresse commestibili, vaporizzazioni o oli.

Benefici della Delta-10-THC

Ci sono meno prove sugli usi e sui potenziali benefici della Delta-10, ma si ritiene comunque che agisca in modo simile ad altri prodotti terapeutici contenenti THC. Si dice spesso che sia utile per alleviare il dolore, aumentare l’energia, migliorare l’umore, stimolare l’appetito, ridurre lo stress e potenziare la creatività, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno il suo potenziale terapeutico.

Dove si compra:

Binoid è un marchio leader nel settore della cannabis e uno dei primi a entrare nel mercato della Delta-10. Offrono una varietà di vaporizzatori e oli di tintura per Delta-10.

CBD (cannabidiolo)

A parte le numerose versioni di THC disponibili, la maggior parte dei cannabinoidi non è psicoattiva. Tuttavia, il CBD diventa facilmente il cannabinoide non intossicante più popolare oggi disponibile. È stato il primo cannabinoide scoperto e isolato dalla pianta di cannabis ed è il secondo cannabinoide più studiato, subito dopo il THC.

Infatti, un prodotto farmaceutico a base di CBD è stato persino approvato dalla FDA. Il CBD è il cannabinoide derivato dalla canapa più diffuso sul mercato e le formule disponibili sono praticamente illimitate. Si possono trovare oli di CBD, gommosi, bevande, prodotti topici, edibili, sciroppi, vaporizzatori e altro ancora.

Benefici del CBBD

I ricercatori stanno ancora studiando il modo in cui il CBD interagisce con l’organismo, ma finora si ritiene che non interagisca direttamente con i recettori endocannabinoidi. Si pensa invece che agisca indirettamente nei siti recettoriali e che influenzi il modo in cui altri composti interagiscono.

Pertanto, si ritiene che i benefici del CBD siano estremamente ampi e possano potenzialmente includere il sollievo dal dolore cronico e neuropatico, effetti ansiolitici, proprietà sedative e persino proprietà neuroprotettive. Alcuni studi hanno anche suggerito che il CBD potrebbe essere utile per gestire alcune condizioni neurodegenerative o altre malattie croniche come la malattia infiammatoria intestinale o la colite, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Dove acquistare:

Molti marchi di CBD sul mercato offrono una varietà di gommosi, oli, prodotti topici e altro ancora. Le gummie di CBD a spettro completo di Charlotte’s Web, la tintura di olio di CBD organico di Joy Organics e la confezione di capsule di CBD per il giorno e la notte di FOCL sono ottime opzioni.

CBG (cannabigerolo)

Il CBG è un altro cannabinoide non psicoattivo che sta rapidamente guadagnando popolarità. Il CBGa, il precursore del CBG, è talvolta chiamato la “madre di tutti i cannabinoidi” perché è il precursore della maggior parte degli altri cannabinoidi, compresi il THC e il CBD.

Il CBG è un integratore popolare che si trova in molti oli di CBD progettati per migliorare l’umore e l’infiammazione, ma si possono trovare anche gommose, capsule e altro ancora. Il CBG è anche uno dei cannabinoidi comunemente usati nelle preparazioni topiche.

Benefici del CBG

I ricercatori non hanno ancora finito di studiare i potenziali benefici del CBG. Tuttavia, sembra che possa contribuire a stabilizzare l’umore e avere effetti benefici antimicrobici e antinfiammatori.

Dove acquistare:

Molti marchi di CBD offrono anche diversi prodotti contenenti CBG. Alcuni dei nostri preferiti sono Absolute Nature Full-Spectrum CBD+CBG Strawberry Gummies e CBDfx 2:1 CBD+CBG Oil.

CBN (Cannabinolo)

Il CBN è un piccolo cannabinoide che si forma nella cannabis quando il THC viene scomposto. Il CBN è quindi considerato leggermente psicoattivo, anche se in misura molto minore rispetto al THC convenzionale. La maggior parte delle persone non riferisce alcuna psicoattività quando assume dosi comprese tra 10 e 20 mg.

Il CBN sta diventando sempre più popolare e si trova in numerose formulazioni, dalle gomme da masticare agli oli, alle bevande e altro ancora.

Benefici del CBN

Al momento ci sono poche prove scientifiche a sostegno di questa affermazione, ma molti utenti associano il CBN al miglioramento del sonno e suggeriscono che abbia un effetto calmante. Si ritiene inoltre che il CBN sia responsabile degli effetti sonnolenti associati alla cannabis conservata o invecchiata in modo improprio. Questo perché il THC viene convertito in CBN nel corso del tempo, quindi la cannabis più vecchia avrà un contenuto di CBN molto più elevato.

Alcune fonti attribuiscono al CBN anche proprietà antinfiammatorie che potrebbero essere utili contro il dolore infiammatorio, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i suoi potenziali benefici.

Dove acquistare:

Molti prodotti a base di cannabinoidi progettati per favorire il sonno combinano CBD e CBN. Tra i nostri preferiti ci sono le Gomme CBD+CBD Serious Rest di Receptra Naturals e la Tintura per il sonno CBN+CBD a spettro completo di Vida Optima Dream.

CBC (Cannabichromene)

Il CBC è un cannabinoide minore, ma la ricerca sui suoi potenziali benefici è minima. Tuttavia, si trova in piccole concentrazioni nella cannabis e solo recentemente è diventata popolare come integratore a sé stante. Viene spesso combinato con il CBD per fornire una combinazione di benefici e si trova più comunemente in forma di tintura, gomma o softgel.

Benefici della CBC

I ricercatori ritengono che il CBN possa essere più simile al CBD rispetto ad altri cannabinoidi perché agisce indirettamente su entrambi i recettori endocannabinoidi ma non si lega direttamente a nessuno dei due. È noto anche che interagisce con diversi recettori al di fuori del sistema endocannabinoide, come il recettore vanilloide 1 (TRPV1) e il recettore transiente del potenziale anchilico 1 (TRPA1), entrambi in grado di influenzare il modo in cui viene percepito il dolore.

Dove acquistare:

Il CBD non è così comune come altri prodotti a base di cannabinoidi, ma è comunque possibile trovare tinture, gel morbidi, ecc. The Raw Botanics Co. ha una piccola selezione di prodotti CBD + CBC di alta qualità, tra cui l’olio Relax 1000 mg CBD + CBC e le softgel Relax 750 mg CBD + CBC ad ampio spettro.

Domande frequenti

Quali sono i cannabinoidi più popolari?

Il THC e il CBD sono i cannabinoidi più popolari e più conosciuti oggi sul mercato. Tuttavia, CBG, CBN e Delta-8 stanno rapidamente guadagnando popolarità grazie al loro straordinario potenziale terapeutico.

Dove si trovano i cannabinoidi?

I cannabinoidi si trovano in molte altre piante e sono presenti naturalmente nel corpo umano. Più comunemente, tuttavia, il termine “cannabinoidi” si riferisce ai composti presenti nella pianta di cannabis.
In genere, il fiore della pianta di cannabis o canapa viene utilizzato per estrarre i cannabinoidi per la produzione di vari prodotti terapeutici. I cannabinoidi si trovano nel fusto, nelle foglie, nei semi e nei fiori della pianta, ma sono più abbondanti nei tricomi o nelle strutture simili a peli che si trovano sulla superficie dei fiori di cannabis. Tuttavia, a volte può essere utilizzato anche il materiale vegetale intero (compresi steli e foglie).

Come vengono estratti i cannabinoidi?

I cannabinoidi vengono solitamente estratti dalla cannabis con vari metodi di estrazione, come l’estrazione con CO2 o etanolo. Diversi metodi di estrazione possono produrre estratti di cannabis di qualità simile. Tuttavia, è importante assicurarsi che i prodotti siano testati in laboratorio in modo indipendente per verificarne la potenza e la purezza, al fine di garantire la rimozione di tutti i solventi residui e dei potenziali contaminanti.

L’organismo può produrre cannabinoidi?

Sì, i cannabinoidi sono prodotti in tutti i mammiferi attraverso il sistema endocannabinoide. Gli endocannabinoidi più comuni sono l’anandamide (nota come molecola della “beatitudine” e simile al THC) e il 2-arachidonoilglicerolo (chiamato 2-AG e identico nella struttura al CBD). Tali cannabinoidi sono chiamati “endocannabinoidi”.

Come funzionano i cannabinoidi?”

I cannabinoidi della cannabis sono simili per struttura agli endocannabinoidi prodotti dall’organismo. Essendo quasi identici, possono legarsi ai siti recettoriali del corpo per modificare il modo in cui l’organismo invia e riceve i messaggi relativi a molte funzioni regolatorie e curative diverse.

Come vengono utilizzati i cannabinoidi?

I cannabinoidi sono spesso utilizzati a scopo ricreativo o terapeutico e possono essere consumati in vari modi. È possibile godere dei potenziali benefici dei cannabinoidi semplicemente fumando o vaporizzando i fiori di cannabis. Esistono anche molte tinture, edibili, oli per il vaping e altro ancora, formulati in modo unico per soddisfare una varietà di esigenze di forza e salute.

I cannabinoidi sono solubili in acqua?

I cannabinoidi sono tipicamente a base di olio nel loro stato più naturale e sono insolubili in acqua. Tuttavia, alcuni produttori utilizzano una nanotecnologia unica per creare piccole molecole di cannabinoidi più biodisponibili e solubili in acqua. Date un’occhiata a queste tinture di CBD solubili in acqua per saperne di più.

I cannabinoidi possono essere assorbiti attraverso la pelle?

Sì, i cannabinoidi possono essere usati per via topica per sfruttarne i benefici terapeutici. Tuttavia, i cannabinoidi psicoattivi non provocano intossicazione se applicati per via topica. Alcune persone utilizzano prodotti a base di CBD per uso topico in combinazione con metodi sistemici per migliorare il dolore o colpire l’infiammazione locale.

Dove si trovano i cannabinoidi? Tutti i cannabinoidi derivati dalla canapa sono legali secondo la legge federale, ma le leggi statali differiscono. Date un’occhiata alle nostre recensioni di prodotti cannabinoidi per scoprire le migliori marche e i migliori prodotti del settore e trovare codici sconto da utilizzare al momento del pagamento.

Quando è stato scoperto il sistema cannabinoide?

Il sistema endocannabinoide, ovvero il sistema corporeo in cui i cannabinoidi possono legarsi e interagire, è stato scoperto nel 1992. Da allora la ricerca è progredita in modo significativo e i ricercatori ora riconoscono che tutti i cannabinoidi maggiori e minori hanno effetti indipendenti sull’organismo.

Quali cannabinoidi hanno effetti intossicanti?

La maggior parte dei cannabinoidi non sono psicoattivi, quindi non vi sballeranno. Tuttavia, esistono diversi tipi di THC con proprietà psicoattive. Il THC tradizionale o Delta-9-THC è il più conosciuto, ma è ancora considerato una sostanza controllata dalla legge federale e può essere acquistato solo in alcuni stati. Il Delta-8, il Delta-10 e le forme più recenti di THC possono essere prodotte a partire dalla canapa e sono legalmente riconosciute a livello federale, quindi potrebbero essere più facili da ottenere.

Come fanno i cannabinoidi ad alleviare il dolore?

I ricercatori stanno ancora definendo i dettagli di come i cannabinoidi possano ridurre il dolore, ma hanno evidenziato diversi meccanismi che potrebbero essere coinvolti.

In primo luogo, i cannabinoidi potrebbero legarsi agli stessi siti recettoriali responsabili dell’invio e della ricezione dei segnali dolorosi, bloccando così l’assorbimento dei segnali dolorosi. Inoltre, alcuni cannabinoidi possono interagire con l’organismo in modo da produrre effetti antinfiammatori.

L’infiammazione è spesso un precursore del dolore, quindi alcuni cannabinoidi potrebbero teoricamente contribuire a ridurre il dolore riducendo l’infiammazione. Poiché agiscono sul dolore attraverso molteplici meccanismi, alcuni cannabinoidi possono essere utili per gestire anche il dolore cronico, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Quali cannabinoidi usare per i problemi del sonno?

La migliore combinazione di cannabinoidi per gestire i problemi del sonno dipende da quali disturbi specifici disturbano il sonno. Ad esempio, molte persone preferiscono formule che migliorano l’umore per combattere la perdita di sonno causata dall’ansia. In generale, tuttavia, per l’uso notturno si sceglie una combinazione di due cannabinoidi (CBD e CBN).

Quali cannabinoidi sono legali?

I cannabinoidi derivati dalla cannabis sono legali. Poiché tutti i cannabinoidi si trovano sia nel materiale di cannabis legale a livello federale che in quello classificato come “marijuana”, è molto importante controllare la fonte dei prodotti a base di cannabinoidi prima di acquistarli. Date un’occhiata alle nostre recensioni dei marchi per trovare le marche di cannabis più affidabili.

YouTube video: Cosa sono i cannabinoidi? CBD, CBG, CBN e altro ancora


Rate article
Recensione di prodotti, notizie e guide sul CBD da The CBD Encyclopedia | TopCBDhempOilTrust